CRONACA

Ricerca e soccorso, a Casamicciola l’esercitazione della croce rossa

lo scenario scelto per la nostra isola: sisma di magnitudo 2.8 con epicentro nel cuore della cittadina termale. Circa 30 i soccorritori volontari per i ritrovare i cinque i dispersi in una cornice altamente suggestiva

DI MATTEO SADOWSKI

Si è svolta nella giornata di venerdì 1 novembre sotto un cielo dominato dalle nubi un’esercitazione della Croce Rossa Italiana che ha visto come protagonista la nostra isola. L’esercitazione ha previsto la simulazione delle attività di Ricerca e Soccorso in seguito a un’ipotetica scossa di magnitudo 2.8 con epicentro proprio nel cuore della cittadina termale martoriata dal sisma del 2017. Ischia è stata una delle tappe dell’Esercitazione Nazionale di Emergenza della Croce Rossa Italiana “EMER CAMPANIA 2019” che in questi giorni ha visto coinvolti oltre mille volontari provenienti da tutta Italia e il dispiegamento di circa 300 mezzi con il compito di operare in 34 scenari creati ad hoc per testare e migliorare ulteriormente la capacità della Croce Rossa Italiana di rispondere in modo coordinato ed efficace alle emergenze.

Di tutti i volontari impiegati nella maxi-esercitazione nella mattina di venerdì in venti sono sbarcati a Ischia, tra questi squadre S.M.T.S. (soccorsi con mezzi e tecniche speciali), specialisti di telecomunicazioni, truccatori, corpo delle infermiere volontarie e ben 6 unità cinofile con i fantastici cani Ponda, Thor, Aron, Tommy, Mia e Denzel. La squadra si è unita con le unità del nostro gruppo locale della Croce Rossa e si è recata sul luogo della simulazione dove per oltre 5 ore hanno svolto con grande impegno le loro attività addestrative con l’impiego di sette mezzi della Croce Rossa. In cinque i dispersi, alcuni feriti lievemente mentre altri in modo più grave, in uno scenario suggestivo e altamente realistico creato dai truccatori con ferite che sembravano tutt’altro che finte. Tutti i dispersi ritrovati dalle squadre di soccorso che si alternavano e in continuo collegamento con la Sala Operativa allestita presso in campo base organizzato a Cercola.

L’esercitazione, come sottolineato dai responsabili presenti, permette di testare le nuovissime tecnologie di comunicazione in possesso della Croce Rossa, fondamentali nel caso in cui si dovesse operare in uno scenario reale con dispersi e feriti. Esercitazione che ha permesso anche alle Sale Operative di verificare la propria preparazione in caso di una maxi-emergenza. Un punto di forza dell’esercitazione, come ribadito, è stato il fatto che si sono trovate a operare insieme persone che prima non si conoscevano ma che comunque sono diventati una squadra è hanno messo in campo un’impeccabile sinergia. Solo la nostra isola ieri ha abbracciato un po’ tutta l’Italia con i volontari provenienti da Trentino Alto-Adige, Lombardia, Piemonte, Emilia-Romagna, Toscana, Marche, Lazio, Puglia, Sicilia e ovviamente i nostri volontari Campani. Malgrado un piccolo spavento iniziale per qualche residente che non aveva notato i manifesti che avvisavano che si sarebbe svolta l’esercitazione, il tutto si è svolto tranquillamente e in alcuni hanno anche ringraziato i volontari per il loro impegno e sacrificio, visto che quotidianamente e soprattutto in questi 5 giorni di esercitazioni si trovano lontani dalle loro famiglie e vale la pena essere ricordato, non percepiscono alcun guadagno in quanto l’attività è totalmente di volontariato.

Ads

Ads

Articoli Correlati

Rispondi

Back to top button