Statistiche
CRONACAPRIMO PIANO

Rifiuti, l’isola punta alla gestione unica

Ieri mattina l’incontro dei sindaci col Direttore generale dell’Ambito: entro due anni i Comuni dovranno gestire il servizio tramite un unico soggetto e così si iniziano a gettare le basi per il “cambiamento”

Una gestione unica del servizio di nettezza urbana per l’intera isola d’Ischia. È stato questo il tema dell’importante riunione svoltasi ieri mattina al Municipio di Ischia, dove erano presenti i sindaci e i delegati di tutte le sei amministrazioni isolane, insieme all’ ingegner Francesco Paolo Buonocore, Direttore Generale dell’ATO (Ambito Territoriale Ottimale) Napoli 2, l’Ente d’ambito per il servizio di gestione integrata dei rifiuti urbani. Dunque i Comuni isolani sono pronti a fare fronte comune davanti alla prospettiva dell’ormai imminente avvio di una gestione tramite un unico soggetto del servizio di Nettezza Urbana per i 24 comuni che rientrano nell’area di competenza entro due anni. Una modalità che consentirà di ottimizzare le risorse e abbattere i costi di gestione. Come ha precisato il sindaco di Ischia Enzo Ferrandino, ci saranno presto importanti novità nella gestione del servizio attraverso lo sfruttamento di economie di spesa che porteranno anche ad una riduzione delle tariffe.

Oltre ai sette delle isole di Ischia e Procida, l’ambito comprende i comuni di Arzano, Bacoli, Calvizzano, Casandrino, Casavatore, Frattamaggiore, Giugliano, Grumo Nevano, Marano, Melito, Monte di Procida, Mugnano, Pozzuoli, Qualiano, Quarto, Sant’Antimo e Villa Ricca. In tale contesto, nel corso della riunione di ieri si è parlato anche della costituzione di un “sotto ambito” che coinvolgerebbe i comuni dell’isola d’Ischia, in maniera tale da meglio calibrare le esigenze del servizio in base alle condizioni peculiari del territorio isolano.

Quello di ieri è stato un incontro a carattere generale, ma presto ve ne saranno altri per definire nei particolari quello che sarà un piano di coordinamento che porterà anche a un potenziamento degli impianti, visto che quello dell’ATO può essere per i comuni dell’isola un appuntamento importante, fermo restando la qualità del servizio reso, per avere delle economie da girare in termini di riduzioni delle tariffe in capo alle attività produttive e alle famiglie.

Gettate le basi con l’ingegner Francesco Paolo Buonocore, a capo dell’ATO Napoli 2, per l’avvio di una gestione tramite un unico soggetto del servizio di Nettezza Urbana per i 24 comuni che rientrano nell’area di competenza entro due anni. Una modalità che consentirà di ottimizzare le risorse e abbattere i costi di gestione, con riduzione della tassazione per imprese e cittadini

L’assessore Stani Senese, delegato del sindaco di Casamicciola, al termine dell’incontro ha dichiarato: «È una grande occasione per razionalizzare le risorse, cosa che ci consentirà a lungo termine di abbattere notevolmente i costi di gestione, a tutto vantaggio di una tassazione ridotta per la collettività. Non vanno poi dimenticati gli obiettivi di miglioramento della raccolta differenziata».

Ads

Certo, si tratta di uno scenario non proprio immediato, ma di certo i benefici saranno indubbi, a partire dall’agilità operativa. Nel piano di coordinamento, verosimilmente, troverà posto anche una soluzione adeguata per il grave problema del trasporto marittimo dei compattatori, che di recente ha provocato comprensibili mal di pancia alle amministrazioni locali, che hanno visto nel giro di sei mesi il completo raddoppio delle tariffe, contro cui non sono valse le proteste dei sindaci e delle aziende (almeno per ora).

Ads

Articoli Correlati

0 0 vota
Article Rating
Sottoscrivi
Notificami
guest
1 Comment
Più vecchio
Più recente Più Votato
Inline Feedbacks
Visualizza tutti i commenti
L'Australiano

Immaginando chi ci sia dietro la gestione della “waste management” le mafie prenderanno possesso dell’Isola completamente.
Grazie a voi rappresentanti del Popolo

Back to top button
1
0
Mi piacerebbe avere i vostri pensieri, per favore commentatex
()
x