Statistiche
CRONACA

Rimozione del commissario Schilardi, c’è la petizione on line

All’appello di Caterina Iacono hanno aderito 29 persone che hanno firmato digitalmente il documento

E’ partita ieri la raccolta firme on line per chiedere le dimissioni del commissario straordinario per la ricostruzione Carlo Schilardi. In realtà la petizione, promossa da Caterina Iacono, Organizer Meetup Amici di Beppe Grillo di Ischia, non sta raccogliendo particolari adesioni. Sono solo 29 le firme apposte on line al documento. «Dal 31 dicembre 2020 con la mancata assunzione delle figure sismiche distaccate presso i comuni, si è avverato ciò che stiamo sostenendo da mesi ovvero la ricostruzione privata dei comuni di Casamicciola Terme , Lacco Ameno e Forio d’Ischia, compresa la gestione post sisma è completamente bloccata», sostiene Caterina Iacono. E continua: «Gli autori di tale disastro hanno nome e cognome ognuno per le proprie responsabilità ovvero il sindaco Castagna e Carlo Schilardi commissario straordinario per la ricostruzione da quasi tre anni. Occorre fare chiarezza, per rispetto di tutti i nostri concittadini terremotati e non, visto che si parla di soldi pubblici».

E così l’architetto di Casamicciola spiega come «i ruoli per la ricostruzione sono ben chiari, ovvero l’ente comunale rilascia i titoli edilizi per poter eseguire le opere di ricostruzione, e la struttura commissariale si occupa di tutto quello che riguarda la procedura amministrativa a partire dall’approvazione del contributo e alle successive liquidazioni dei lavori fino a conclusione degli stessi». Secondo l’ex candidato sindaco della località termale isolana «Quello che si mette in atto nelle restanti parte d’Italia non va bene per la gestione del terremoto che ha colpito l’isola di Ischia nell’agosto 2017, infatti il “nostro” Commissario ha preferito dotare i comuni delle cosiddette “figure sismiche”, onde evitare di assumersi dirette responsabilità in merito alla gestione erariale dei fondi». L’architetto Iacono spiega come «Nelle altre parti di Italia i comuni predispongono tutti gli atti autorizzativi ai fini dell’esecuzione dei lavori ovvero permesso a costruire, SCIA e quanto altro richiede la normativa per poter eseguire lavori edili. Per il terremoto di Ischia, invece, non funziona così demandando alle cosiddette figure sismiche distaccate presso i comuni isolani terremotati». Al Comune di Casamicciola sono state 12 le persone assunte a tempo determinato da dicembre 2018 a dicembre 2020 per il disbrigo di partiche relative alla ricostruzione. «Tale metodo ovvero con le figure sismiche, – sostiene Caterina Iacono – ha generato un percorso talmente cavilloso che i risultati a distanza di 24 mesi hanno portato a tre pratiche di danni lievi concluse e nessuna ricostruzione relativa al danno pesante».

Caterina Iacono: «Vogliamo chiarezza, i terremotati sono stanchi nel vedere una nebbia di burocrazia cha a nulla porta in concreto. I fatti dimostrano che siamo di fronte all’evidente incapacità gestionale del Sindaco e del commissario per la ricostruzione Schilardi»

Ma a dicembre, come detto, le ‘figure sismiche’ non sono state rinnovate. «Ebbene – continua l’ex candidato sindaco – dopo la mancata proroga delle figure sismiche presso il comune, (impegnate nella gestione ordinaria dell’ente) la “responsabilità” per la continuazione dei procedimenti in corso e futuri e finita in capo alla struttura commissariale con sede a Napoli capeggiata appunto dal Dott. Schilardi». Per Iacono «il sindaco ed il commissario non hanno prodotto nulla trincerandosi dietro la mancata proroga delle figure sismiche distaccate presso l’ente comunale». La petizione si conclude con una richiesta: «Vogliamo chiarezza, i terremotati sono stanchi nel vedere una nebbia di burocrazia cha a nulla porta in concreto. I fatti dimostrano che siamo di fronte all’evidente incapacità gestionale del Sindaco e del commissario per la ricostruzione Schilardi». Per questo Caterina Iacono ha chiesto «al Governo Centrale la rimozione del commissario per la ricostruzione per gli scarsissimi risultati ottenuti fino ad oggi a fronte delle enormi risorse economiche sperperate».

Ads

Articoli Correlati

0 0 voti
Article Rating
Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Visualizza tutti i commenti
Back to top button
0
Mi piacerebbe avere i vostri pensieri, per favore commentatex
()
x