POLITICA

“Ring” politico per la pista ciclabile di Ischia

Il sindaco Enzo Ferrandino e il consigliere di minoranza Gianluca Trani a confronto sul tema-mobilità. Tutti d’accordo sulla politica green, ma restano le divergenze sulle modalità di realizzazione

È ormai chiaro che il tema della mobilità, e delle varie alternative da mettere in campo per rendere più vivibile il territorio, resta uno dei punti focali della politica locale. E come tale continua ad accendere gli animi, come abbiamo puntualmente documentato su queste colonne. La costruzione della pista ciclabile nella Pineta degli Atleti a Ischia è solo uno dei motivi in grado di innescare una polemica che pare ancora lontana dallo smorzarsi.

Gianluca Trani: «La pista andava concepita all’interno di un piano-traffico condiviso coi cittadini, invece così danneggerà gli utenti della pineta e il verde»

Mentre l’amministrazione continua a sostenere l’opportunità e l’utilità delle misure prese per decongestionare il centro cittadino dalla soffocante presenza delle automobili, l’opposizione continua a fare muro contro tali soluzioni. Gianluca Trani ha infatti ribadito la posizione del suo gruppo: «Noi siamo d’accordo con una politica che sposa soluzioni green, siamo consapevoli che vanno adottate alternative per la mobilità; tuttavia tali soluzioni vanno integrate in modo armonico in un piano-traffico. Questa pista ciclabile all’interno della pineta non risolve il problema del traffico, ma anzi può creare solo problemi e svantaggi a coloro che già usufruiscono della pineta, penso ai podisti e ai genitori che passeggiano coi propri bambini. In alcuni punti infatti la pista ciclabile intersecherà le aree di passeggio. Oltre a tali danni, c’è da considerare soprattutto l’impatto ambientale della costruzione della pista: la pineta degli atleti è uno degli ultimi polmoni verdi che abbiamo, e adesso non stiamo facendo altro che sventrarlo. Se fossimo stati al governo del paese, noi avremmo puntato a una crescita del verde pubblico, e a trovare un’alternativa al traffico veicolare, e in alcune zone cercando di concordare le misure con la cittadinanza. Insomma, avremmo agito al contrario di quanto sta facendo l’amministrazione adesso: prima si è pensato al progetto, ai finanziamenti e solo dopo si è chiesto il parere delle categorie interessate».

Enzo Ferrandino: «La pista è concepita con materiali ecocompatibili ed ecosostenibili, riducendo al minimo la vicinanza con gli altri utenti della pineta. Col senso unico da piazza degli Eroi su via De Luca e via Sogliuzzo verranno mantenute le aree di sosta per le auto»

Da parte sua, il sindaco Enzo Ferrandino rivendica la correttezza dell’azione amministrativa: «È giusto che una realtà come Ischia si doti di un’infrastruttura come la pista ciclabile, per alimentare sul territorio un diverso tipo di mobilità rispetto a quella canonica. Ci si deve anche rendere conto che il nostro assetto viario, in particolare sulle direttrici di via Michele Mazzella e via Leonardo Mazzella non ci consentono di rinvenire uno spazio per garantire in sicurezza la percorribilità con mezzi a due ruote. Di conseguenza, l’amministrazione ha pensato di disegnare un percorso nell’ambito della pineta, ma ovviamente con modalità che rispettano l’ambiente senza deturparlo, sia durante le operazioni di realizzazione sia attraverso l’utilizzo di materiali ecosostenibili ed ecocompatibili. Basti pensare che il materiale usato è lo stesso che viene utilizzato per la realizzazione dei percorsi nei parchi archeologici come ad esempio quello di Pompei o di Ercolano, dunque già testati. Inoltre sono stati scelti percorsi che tendono a limitare il più possibile le interferenze con altri abituali frequentatori della pineta, senza quindi comprimere o compromettere l’utilizzabilità della pineta da parte di questi ultimi. D’altronde viene spontanea una battuta verso coloro che stanno alimentando il chiacchiericcio polemico: se finora essi hanno sempre caldeggiato l’allestimento di una pista ciclabile, dove avevano intenzione di collocarla? O forse avevano intenzione di creare piste ciclabili che lievitassero in aria?».

Ma il primo cittadino intende chiarire anche un altro aspetto della questione-mobilità, anch’esso al centro di polemiche: «Alcuni stanno diffondendo l’errata voce secondo cui saranno eliminate le aree di sosta lungo via Alfredo De Luca e via Antonio Sogliuzzo: questa è una bugia, perché le zone di sosta saranno comunque conservate. Sarà soltanto istituto il senso unico. L’idea progettuale prevede il senso unico da Piazza degli Eroi fino all’incrocio con via delle Terme, e dalla stessa Piazza degli Eroi fino a Ischia Ponte. In entrambi i casi, resteranno le attuali aree di sosta per le vetture. Da quello che ho capito, alcuni commercianti si sono allarmati perché qualcuno gli ha riportato la falsa notizia che nel progetto era prevista l’eliminazione degli spazi auto, ma questo non è affatto vero». Il primo cittadino ha poi specificato che si procederà per gradi. Il primo step sarà quello di provare la modifica del senso di circolazione per gli autobus. Dopo che sarà riscontrata la bontà di tale soluzione, si procederà col passo successivo, cioè la pista ciclabile.

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close