CRONACAPRIMO PIANO

Rivoluzione imbarchi, nuove biglietterie aperte anche alla Gestour

L'incontro di ieri mattina tra amministrazione e compagnie di navigazione ha finalmente portato un proficuo accordo che accontenta, almeno per adesso, tutti i protagonisti del nuovo dispositivo in vigore a porto d’Ischia

Ancora un altro tassello è stato aggiunto al mosaico rivoluzionario che intende dare un nuovo volto al porto di Ischia, vessato in passato da un caos davvero insopportabile, soprattutto nei weekend e nei giorni più caldi d’agosto, quando le partenze verso la terraferma hanno trasformato in passato il porto di Ischia della banchina Olimpica in un groviglio di confusione e lamiere, cadenzato dal rumore dei motori e dai fumi neri dei tubi di scappamento. Altro che porto accogliente di un porto turistico, il porto per anni ha somigliato più a una grande concessionaria, un vero e proprio smacco per un territorio che fa della vocazione turistica una missione e naturalmente una importante fonte di sostentamento economico.

Ieri mattina si è deciso di annullare la concessione unica affidata a marzo a Medmar e riaffidarla a tutte e tre le compagnie protagoniste dei trasferimenti marittimi nel golfo. La gestione della Medmar, nonostante avesse tutte le carte in regola per potersi impuntare e chiedere il rispetto degli accordi riguardo le biglietterie ha preferito fare un passo indietro, rinunciare ai diritti sulla biglietteria e dividere oneri e onori con le sorelle marittime, per il bene di tutti, in primis dei passeggeri, meritevoli di avere un servizio degno di un porto europeo ma soprattutto per portare finalmente in porto – è proprio il caso di dirlo – la risoluzione della situazione caotica che va debellata quanto prima, per il bene di tutti.

Avere un porto così frequentato, con decine di migliaia di arrivi, comporta inevitabilmente dei problemi, il territorio limitato della nostra isola obbliga a soluzioni che possano essere dignitose e civili. “L’incontro di ieri mattina è stato molto fruttuoso. Abbiamo suddiviso il gazebo dei traghetti in tre sezioni, equamente suddivise. – dichiara il primo cittadino Enzo Ferrandino – Un altro tassello di ordine è stato aggiunto al nostro mosaico, che punta a dare all’isola d’Ischia e al sua porta di ingresso la giusta dignità. L’accordo tra le compagnie di navigazione è stato trovato non senza difficoltà, ma alla fine ha prevalso il buon senso. Per il bene dell’isola si è trovato un accordo che permetterà di ridurre drasticamente il traffico nel porto. Un’azione necessaria e ormai non più procrastinabile”. A breve quindi i passeggeri potranno comprare il ticket di tutte le compagnie di navigazione che garantiscono il trasporto delle autovetture, presso l’ex parcheggio Guerra. Un notevole passo avanti per risolvere il problema del caos sul porto.

Come ricordato anche dal tenente di Vascello Andrea Meloni. “Va premesso che le nuove ordinanze di viabilità (portuale della Capitaneria di Porto ed extra portuale del comando vigili) rientrano in un progetto più ampio di miglioramento dell’area portuale di Ischia. Siamo partiti con la revisione degli quadro orari, ci siamo occupati ora della viabilità e poi continueremo con le infrastrutture, il piano di raccolta dei rifiuti portuali e l’abbattimento delle barriere architettoniche. Con i suoi oltre 3 milioni di passeggeri all’anno, il porto più bello del Mediterraneo, per storia e conformazione, merita di essere il miglior biglietto da visita per tutta l’isola. in area portuale abbiamo visto già gli effetti di una maggiore vivibilità. Abbiamo avuto un numero maggiore di passeggeri rispetto a lunedì scorso (8000 pax in partenza, 1000 in più rispetto al 15 luglio) ma la sensazione era quella di un’area vivibile e ordinata. Ovviamente – ha chiarito il comandante della guardia costiera – di contro si sono creati dei momentanei di disagio in altre aree per le quali sono necessari correttivi.

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close