Statistiche
CULTURA & SOCIETA'

SALUTE Quando evitare la corsa

DI FLAVIA SCOTTO DI MARRAZZO

La corsa ha numerosi benefici. Riduce la pressione sanguigna, i livelli di colesterolo LDL, i trigliceridi e la glicemia. Migliora l’attività cardiovascolare, la capacità polmonare, previene numerose patologie ed è un ottimo anti depressivo. Comporta però, alcune controindicazioni che potrebbero danneggiare l’organismo e le articolazioni. È opportuno infatti, prima di iniziare qualsiasi attività che comprende la corsa o molti salti, rivolgersi al proprio medico ed a un professionista del settore che, in base alla vostra forma fisica, saprà consigliarvi al meglio se evitare o iniziare gradualmente.

Quando evitare la corsa e tutte le attività aerobiche ad alta intensità? La corsa va evitata quando sono presenti malattie cardiovascolari importanti. Allenamenti aerobici troppo intensi, potrebbero comportare una maggiore sensibilità allo sviluppo della fibrillazione atriale (uno dei maggiori fattori di rischio per l’infarto). Gli allenamenti aerobici sono da evitare anche in caso di problematiche articolari o discopatie alle vertebre. I soggetti che non hanno un buon sostegno muscolare delle gambe e del centro del corpo, andrebbero solo a danneggiare le cartilagini e i dischi. Inoltre la corsa è sconsigliata in caso di sovrappeso, obesità e cellulite. Essere in sovrappeso spesso comporta deficit respiratori, cardiaci, articolari etc… Un’attività aerobica ad alto impatto, aumenterebbe i rischi già enunciati. Per ridurre l’eccesso ponderale ed incrementare il metabolismo è più opportuno dedicarsi ad allenamenti di potenziamento muscolare per poi concludere con lunghe camminate a passo svelto superando la soglia dei 30 minuti, favorendo la durata ed arrivando all’ossidazione dei grassi. Infine, se sono presenti danni al micro circolo (ritenzione idrica, cellulite, vene varicose etc…) bisogna evitare la corsa, in quanto, durante l’impatto col suolo, si creano delle lesioni che portano le membrane delle cellule lipidiche a rompersi. Sarebbe opportuno evitare anche per la formazione di acido lattico che ha ulteriori effetti negativi sulla circolazione e sull’ossigenazione dei tessuti.

Articoli Correlati

0 0 voti
Article Rating
Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Visualizza tutti i commenti
Back to top button
0
Mi piacerebbe avere i vostri pensieri, per favore commentatex
()
x