Statistiche
ARCHIVIO 3ARCHIVIO 5

Sanità, l’allarme del Cudas: la cardiologia fa “acqua”

ISCHIA. Anno nuovo, problemi vecchi. Succede in diversi settori, sulla nostra isola, e quello della sanità non fa certamente eccezione. E così a lanciare il primo allarme del 2019 è il Cudas Ischia, nella persona della presidente Gianna Napoleone, che in un comunicato bacchetta ancora l’azienda sanitaria locale ed evidenzia una serie di criticità ancora presenti in quello che è l’unico presidio sanitario presente sul territorio.

La Napoleone esordisce scrivendo: “Il nuovo anno è iniziato da pochi giorni e già è saltata una prima scadenza importante per la salute degli isolani. L’ambulatorio di Cardiologia, che dal 1° gennaio avrebbe dovuto riprendere ad erogare anche i servizi negati negli ultimi tempi, continua a non garantire prestazioni e approfondimenti diagnostici essenziali, dall’ECG ad un semplice elettrocardiogramma. Un’assurdità per l’ospedale di un’isola, dove l’incidenza delle malattie cardiovascolari è alta e si inserisce in un dato della Campania ai vertici della classifica nazionale”. Poi arriva la stoccata per il dirigente della Asl Na 2 Nord: “Il direttore generale D’Amore – scrive Gianna Napoleone – che tanto si è preoccupato dei viaggi in traghetto degli isolani per le operazioni di cataratta, farebbe bene a spendersi con la stessa solerzia ed efficienza per assicurarci l’assistenza cardiologica salvavita da cui, a maggior ragione per i limiti dell’insularità, non possiamo prescindere. Su questo e sui Livelli Essenziali di Assistenza gli isolani non chiedono, bensì pretendono risposte concrete immediate. Non accetteremo passivamente lo smantellamento silenzioso del nostro ospedale, che ogni giorno perde qualche pezzo fondamentale”.

Articoli Correlati

0 0 voti
Article Rating
Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Visualizza tutti i commenti
Back to top button
0
Mi piacerebbe avere i vostri pensieri, per favore commentatex
()
x