CRONACAPRIMO PIANO

Sbarca con 40 “canne” già confezionate, arrestato dalla polizia

Finisce in manette il 19enne napoletano Ernesto Nicolella, “annusato” dall’unità cinofila Kira: trascorrerà il fine settimana nelle camere di sicurezza del commissariato, lunedì la direttissima

Un vero e proprio blizt che non soltanto ha fatto scattare le manette ai polsi di un giovane partenopeo ma ha anche portato alla luce una sorta di “nuova frontiera” delle modalità di spaccio, fin qui onestamente sconosciuta non soltanto sull’isola ma anche altrove.

Gli agenti del commissariato di polizia di Ischia, guidati dal vicequestore Alberto Mannelli, hanno tratto in arresto nella mattinata di ieri il diciannovenne napoletano Ernesto Nicolella. L’operazione si è svolta sul porto di Casamicciola, presidiata dai poliziotti – al pari degli scali di Ischia e Forio – in questo ulteriore caldo fine settimana di agosto, da “bollino rosso” anche sotto il profilo dell’ordine pubblico. Il Nicolella era partito dal Molo Beverello con l’aliscafo della Snav delle 12.30 ed è giunto nella cittadina termale dopo poco più di un’ora.

Quando è sceso dal mezzo di trasporto si sentiva tranquillissimo ma è stato “annusato” da Kira, l’unità cinofila antidroga dal fiuto infallibile che da diversi giorni è ormai di stanza sulla nostra isola per i controlli contro il fenomeno del consumo e dello spaccio di sostanze stupefacenti. Kira ha subito segnalato il giovane napoletano agli uomini del dott. Mannelli, lo stesso aveva con sé una grande valigia ed una borsa più piccola. Immediato è scattato il controllo su Ernesto Nicolella e gli agenti hanno subito scoperto che il 19enne aveva, ben nascosto nella valigia tra i capi di abbigliamento, un involucro ben sigillato con il nastro adesivo. I tutori dell’ordine hanno scartato il pacchetto e qui è arrivata l’insolita sorpresa: i poliziotti hanno trovato un alberello profumato posto sopra due piatti di plastica tra i quali erano stati riposti quaranta spinelli già confezionati, insomma non soltanto pronti per essere venduti ma anche consumati in pochi istanti.

L’albero profumato ed un paio di deodoranti, nelle intenzioni del ragazzo, dovevano servire per trarre in inganno l’unità cinofila che però non è assolutamente caduta nel tranello. Il giovane è stato dichiarato in arresto e condotto presso gli uffici di via delle Terme per le formalità di rito. Di concerto con il sostituto procuratore di turno, è stato deciso che Ernesto Nicolella sarà processato per direttissima lunedì mattina davanti al giudice monocratico del Tribunale di Napoli. Nel frattempo, trascorrerà il fine settimana rinchiuso nelle camere di sicurezza del commissariato di polizia. Non è proprio questo, appare ovvio, il fine settimana che aveva immaginato imbarcandosi per l’isola verde.

Annuncio

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close