CRONACAPRIMO PIANO

Scarichi fognari, ecco l’isola illegale

Con l’ausilio del Laboratorio Ambientale Mobile, i militari della Guardia Costiera di Ischia hanno effettuato un’altra serie di controlli nel sottosuolo: e i risultati sono stati ovviamente “sconfortanti”

Un’altra operazione, un’altra serie di controlli che ha messo a nudo ancora una volta – ove mai ce ne fosse bisogno – la fragilità del nostro sistema fognario, fatto di una serie di illegalità talmente diffuse da rappresentare ormai la norma piuttosto che l’eccezione. Ma l’impressione è che stavolta il vaso di Pandora sia stato scoperchiato ed anche le autorità competenti intendano andare fino in fondo per vederci chiaro su uno degli scandali a cielo aperto più conosciuti della nostra isola.

Nella giornata di ieri si è conclusa l’attività di sorveglianza e di tutela ambientale che ha visto coinvolti i militari della guardia costiera di Ischia, guidati dal t.v. Andrea Meloni, e del Laboratorio Analisi Ambientale CF (CP) Natale De Grazie in assetto operativo. L’impiego del LAM (Laboratorio Ambientale Mobile) rappresenta un ulteriore tassello alla volontà da parte dei tutori dell’ordine, presumibilmente sempre con la regia della Procura della Repubblica di Napoli, di venire a conoscenza di quella che senza dubbio sull’isola è una fitta rete di scarichi assolutamente fuori legge, che coinvolgono chissà quante migliaia di abitazioni: non a caso attraverso il suo supporto è possibile accertare violazioni che possano causare danni o situazioni di pericolo per l’ambiente marino e costiero, attività inserita tra i compiti istituzionali del Corpo delle Capitanerie di Porto.

Le analisi specializzate, con risultati in tempo pressoché reale, ha consentito di riscontrare contaminazione ambientale e individuare sversamenti non autorizzati nei Comuni di Barano, Casamicciola, Ischia e Forio. E adesso il “pressing” della Procura potrebbe farsi asfissiante

I LAM, in particolare, hanno una peculiarità che li rende operativi ed efficaci sull’intero territorio nazionale, ossia quella di poter raggiungere in maniera rapida la zona interessata e di ottenere i risultati delle analisi di laboratorio in tempi molto brevi, essi permettono di individuare, in acqua, la presenza di eventuali inquinamenti provenienti da sostanze chimiche, organiche e di tipo fecale. Insomma, con quello che tutti sappiamo che succede a Ischia, diciamo che non poteva esserci presenza più opportuna. In questi giorni, sempre su richiesta della guardia costiera di Ischia, sono stati seguiti diversi campionamenti della matrice acquosa, ovviamente tutti in corrispondenza di scarichi già attenzionati perché “sospetti”. Ebbene in diversi punti del territorio isolano sono stati riscontrati scarichi irregolari e non autorizzati, proprio grazie alle strumentazioni del LAM le cui analisi hanno fornito a tempo di record i risultati desiderati (e purtroppo non certo auspicati, ma comunque scontati). Da quanto si è appreso, nel mirino non è finito soltanto il Rio Corbore ma anche altri scarichi ubicati nei Comuni di Barano, Ischia, Casamicciola e Forio dove i risultati sono sempre stati assolutamente devastanti. Difficile capire cosa potrà succedere nel momento in cui questi riscontri finiranno nelle mani dell’autorità giudiziaria, anche se va detto che era chiaro che un “bubbone” del genere si poggiava su basi talmente fragili che prima o poi sarebbe scoppiato. In una nota ufficiale diffusa dalla capitaneria di porto si legge testualmente che “L’accertamento tecnico è stato svolto con la strumentazione istallata a bordo del L.A.M. ed ha permesso di riscontrare la presenza di sostanze indicatrici la contaminazione ambientale e l’individuazione di scarichi irregolari e non autorizzati. L’Ufficio Circondariale Marittimo di Ischia continuerà, anche sulla base di tali risultanze, la propria attività di vigilanza e di contrasto ai crimini ambientali ed all’inquinamento, al fine di preservare il delicato e prezioso ecosistema marino della zona di giurisdizione”. Insomma, verosimilmente come cantava Ligabue il “meglio” deve ancora venire. E quelle virgolette sono chiaramente volute. Intelligenti pauca….

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close