CRONACAPOLITICA

Schilardi conferma: Esenzione dei tributi solo per le vittime del sisma

Il commissario risponde ad una richiesta di chiarimenti del dirigente dell’Ufficio Tributi e pone fine ad una serie di dubbi che aleggiavano nel Comune termale

Arriva la risposta alla richiesta di chiarimenti posti in essere dal dirigente dell’ufficio Tributi Aniello Carcaterra. È stato il Prefetto Carlo Schilardi, commissario per la ricostruzione a togliere ogni dubbio: il pagamento dei tributi sono sospesi solo per coloro che hanno subito danni dal sisma del 21 agosto 2017. La richiesta di chiarimenti è sorta in seguito alla “vistosa criticità che scaturisce dall’interpretazione letterale dell’articolo 35 della legge numero 130 del 16 novembre 2018”.

E così dagli uffici comunali è partita la richiesta di chiarimenti indirizzata al Presidente del Consiglio dei Ministri – ufficio dipartimento per i rapporti con il Parlamento, al Ministero dell’Economia e delle Finanze – direzione legislativa tributaria, al direttore delle Finanze ed al Commissario straordinario per la ricostruzione Carlo Schilardi. “Lo stesso articolo che converte in legge il più noto decreto (Decreto Genova) – ha scritto il responsabile dell’ufficio Tributi – stabilisce la sospensione fino al 31 dicembre2020 della notifica degli atti di riscossione e delle relative procedure esecutive per i Comuni di Casamicciola Terme, Lacco Ameno e Forio relativamente alle entrate tributarie. Senza investire processi di ermeneutica giuridica, questo ufficio teme che la norma possa determinare la paralisi dei flussi tributari di cui è titolare questo Ente”. Dello stesso parere anche la Soget, ovvero società concessionaria della gestione di accertamenti e riscossione volontaria e coattiva delle entrate comunali di Casamicciola che “dichiarava la sua forte perplessità nel continuare a procedere tutte le proprie attività, palesando il blocco delle entrate tributarie”.

In pratica la legge che disciplina la ricostruzione prevede la sospensione fino al 1° gennaio 2020 dei pagamenti delle fatture (relative ai servizi energetici ed idrici, assicurazioni e telefonia) per i comuni di Casamicciola Terme, Lacco Ameno e Forio di Ischia, limitatamente ai soggetti danneggiati che dichiarino l’inagibilità del fabbricato, dell’abitazione, dello studio professionale o dell’azienda. Prorogata all’anno di imposta 2020 l’esenzione dalle imposte sui redditi dei fabbricati distrutti o inagibili ubicati nei comuni colpiti. Prorogata al 31 dicembre 2020 anche la sospensione del pagamento delle rate dei mutui concessi dagli istituti di credito ai privati aventi finanziamenti ipotecari relativi a immobili residenziali, commerciali e industriali inagibili. La norma sulla ricostruzione prevede anche la sospensione del pagamento del canone RAI fino al 31 dicembre 2020 e il recupero delle somme oggetto di sospensione – senza applicazione di sanzioni e interessi – dal 1° gennaio 2021. Sono altresì sospesi i termini relativi agli adempimenti e ai versamenti dei contributi previdenziali e assistenziali e dei premi per l’assicurazione obbligatoria in scadenza nel periodo 29 settembre 2018 – 31 dicembre 2020. Sono sospesi i termini per la notifica di cartelle di pagamento e per la riscossione di somme dovute a enti creditori nei comuni colpiti fino al 31 dicembre 2020 (art. 35 D.L. 109/18). Il chiarimento definitivo, poi, è arrivato dal Commissario per la ricostruzione Carlo Schilardi che ha risposto in modo inequivocabile: “appare incongruo – ha scritto – che i beneficiari in parola vadano a persone che dal sisma non hanno avuto alcun danno materiale e, non di rado, sono proprietari di seconde case”. E con questa nota si chiude una vicenda che ha messo a rischio la stabilità delle casse del Comune di Casamicciola.  
 

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Controllare Anche

Close
Back to top button
Close

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker