ARCHIVIO 3ARCHIVIO 5

Scuola, conclusa la settimana dello studente

di Sara Mattera

E’ giunta al termine, in queste ore, per gli studenti dei liceo del territorio isolano, la Settimana dello Studente. Una settimana, riconosciuta in tutta Italia, nata con lo scopo di proporre una vera scuola alternativa, a misura di studente, garantendo alle famiglie, con la collaborazione dei docenti, una serie di iniziative di vario genere con l’obiettivo di approfondire tematiche che, di norma, vengono poco trattate all’interno dell’ambiente scolastico. Un’occasione di confronto aperto che gli studenti del liceo linguistico, classico, scientifico, scienze applicate e scienze umane di Ischia non si sono lasciati sfuggire.  E così, grazie  a deliberazione del Consiglio di Istituto e dell’approvazione del preside Giampiero Calise, la Settimana dello Studente è cominciata lunedì 14 Dicembre e si è conclusa ieri. I primi giorni, gli studenti , in accordo con i docenti che hanno sospeso la normale programmazione scolastica, hanno, quindi, potuto svolgere attività alternative alle regolari lezioni: dal recupero e approfondimento di alcuni argomenti, alla visione di film di vario genere. C’ è chi poi, come gli studenti iscritti all’ultimo anno delle superiori, ha potuto sostenere simulazioni delle prove di esame in vista della Maturità 2016, o svolgere attività di orientamento al percorso universitario.  Dal 17 al 19 Dicembre , gli studenti hanno, poi partecipato ad alcune conferenze, organizzate presso il cinema Excelsior e che hanno visto anche la partecipazione di personalità di un certo calibro del territorio isolano.  Giovedì 17, si è svolta, infatti, una conferenza, che ha visto la partecipazione di Tommaso Ariemma, docente di filosofia del liceo linguistico di Ischia e collaboratore con la cattedra di Estetica dell’Università Federico II di Napoli, sulle tematiche “Aristotole e gli Zombie” e “ Dall’uomo del rinascimento ai selfie”. Una mattinata, insomma, in cui gli studenti hanno potuto approcciare al mondo della filosofia, applicato alla realtà quotidiana, in modo più piacevole. Venerdì 18, è stata invece la  volta di Rosario De Laurentis, fondatore del Circolo Sadoul di Ischia e autore del libro, pubblicato lo scorso Febbraio “La torre di Guevara Ischia nel 400 e nel 500”, che insieme a Salvatore Ronga, conosciuto sull’isola per i suoi progetti artistico-culturali, ha intrattenuto i ragazzi con una conferenza inerente le tematica dei giovani e del  loro futuro. Dell’intera settimana dello studente, certamente, però, la giornata di ieri è stata quella con maggiore spessore sociale e civico. Salvatore Sodano, presidente del Comitato Genitori dell’istituto Mattei di Casamicciola, è stato infatti invitato a confrontarsi con gli studenti su tematiche di attualità e su problemi  che riguardano da vicino la nostra isola: dalla rispetto delle regole del vivere civile alla sicurezza stradale. Grande rilievo è stato dato ancora una volta alla problematica dei trasporti: Sodano ha, infatti, raccontato agli studenti della sua attività come membro del Coordinamento Scuola Ospedale, aggiornandoli sulle ultime novità in tema di trasporti sia su gomma che su mare, soffermandosi poi anche sulla situazione complicata  che sta vivendo l’ospedale di Lacco Ameno e sulle difficoltà che hanno i disabili, specie quando si parla di barriere architettoniche.  Presente all’incontro formativo, anche il nuovo Consigliere del Comune di Ischia, Antonio Piricelli che, nella sua veste di comandate dei carabinieri, ha affrontato con i ragazzi varie tematiche inerenti la legalità: dalla Camorra alla Terra dei Fuochi  dallo smaltimento dei rifiuti, alle modalità di agire in caso si ritrovamento di materiale inquinante come amianto ed ethernit, fino ad arrivare a trattare il fenomeno Isis, tema certamente di grande attualità. L’invito da parte di Piricelli rivolto a tutti gli studenti è stato quello di sviluppare il proprio senso civico e di stare lontani anche dall’uso di sostanze stupefacenti.  La settimana dello studente si è, quindi, conclusa in grande stile anche se, a quanto pare, non sono mancate alcune perplessità. Molti genitori, infatti, non sono sembrati essere d’accordo con l’organizzazione di una settimana “alternativa”alle normali ore di lezione, con il timore che i ragazzi avrebbero colto questi giorni di pausa dallo studio come un momento di svago piuttosto che come occasione formativa e non è mancata quindi qualche polemica. D’altro canto, però, anche alcuni studenti non sono stati molto soddisfatti dell’andamento della settimana.  Alcuni docenti, infatti, stando indietro con i programmi di studio, hanno preferito far sostenere  ai ragazzi, nelle ore dedicate alle attività alternative, compiti in classi, togliendo così la possibilità agli studenti di approfondire altre tematiche. Non è mancata poi anche  una certa disorganizzazione.  “ Alcune attività- ci racconta una ragazza- sono state interessanti e utili. Il livello organizzativo,però, specie i primi giorni, è stato un disastro. In alcune occasioni neppure i professori sapevano bene cosa dovevano fare e decidevano il da farsi stesso la mattina, quando arrivavano a scuola. Inoltre, alcuni ragazzi hanno comunque colto l’occasione per perdere tempo. Se avevamo più tempo per organizzarci avremmo potuto far andare alcune cose diversamete” Insomma, alti e bassi per questa settimana dello studente che, però, nonostante tutto, ha rappresentato, comunque, una buona occasione di formazione.

Nel complesso, quindi, la settimana dello studente ha avuto i suoi alti e bassi, ma, sicuramente, organizzata con maggiore anticipo può configurarsi come una buona occasione.

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close