ARCHIVIOARCHIVIO 3ARCHIVIO 5

Sette anni dopo, l’alluvione di Casamicciola resta una ferita insanabile

ISCHIA – Successe tutto all’improvviso, o forse no. Ma accadde in un clima surreale, perché nessuno – nonostante la gravità dell’accaduto – voleva credere, per l’appunto, all’accaduto. Accadde tutto sette anni fa ed il tempo, deputato a cancellare tutto e soprattutto le ferite, non riuscirà mai a portarsi via quello che invece si portò via la maledetta alluvione del 10 novembre 2009. Una giovane vita, quella di Anna De Felice, appena quindici anni, che stava andando a scuola, ed un quadro di devastazione allucinante, terribile. Con una coincidenza macabra, quella dei novantanove anni. Nel 2006 la tragedia di Monte Vezzi, 99 anni prima dell’ultima frana. Nel 2009 Casamicciola, dopo quanto accaduto nel 1910 (prima ancora dello storico terremoto del 1883), sempre 99 anni prima. Una iattura, secondo alcuni, una incredibile coincidenza temporale secondo altri. Ma questo conta poco, relativamente poco. Sono passati sette anni da quella dannata mattinata, quando tutto accadde davvero in pochissimi minuti: dal nulla, a parte l’acqua che comunque scendeva giù in maniera paurosa, a mezzo paese che di fatto in trecento secondi non esisteva più, sommerso da acqua, fango e detriti. Alcuni segni dell’altezza della furia della lava d’acqua sono ancora ben visibili, ad esempio nella suggestiva cornice di Piazza Bagni: e chissà che la mano dell’uomo, pur potendo, non li abbia rimossi volutamente, quasi a voler lasciare un segnale indelebile dell’accaduto, a futura memoria, ad imperitura memoria. Perché se certe esperienze è giusto non dimenticarle, sarebbe altrettanto opportuno farne tesoro per evitare che si ripetano in futuro. Ed ecco perché probabilmente, quasi come una sottile metafora, qualche cicatrice è stata lasciata, perché certe ferite non potranno mai rimarginarsi. Soprattutto quando, oltre a case, strutture, autovetture e beni di varia natura, vola via anche un piccolo angelo di appena quindici anni.

CONTINUA A LEGGERE SU IL GOLFO IN EDICOLA

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close