Statistiche
ARCHIVIO 3ARCHIVIO 5

Si trova vicino al mercato di Ischia, cittadini preoccupati: “Potrebbe cadere da un momento all’altro”

ISCHIA – La denuncia arriva direttamente dal Social Network e viene divulgata tramite Facebook, una delle piazze virtuali più attive di discussione, dove i nostri concittadini si danno da fare quotidianamente non solo per diffondere le proprie opinioni, ma anche per segnalare i problemi che attanagliano il territorio isolano, sempre vittima di notevoli problemi. E una preoccupante segnalazione proviene dal profilo Facebook di Giovanni Tufano, cittadino molto attivo del Comune di Ischia, che rende noto, con tanto di corredo fotografico la situazione pericolosa riguardante un palo dell’Enel con evidenti e pericolose crepe, segno di scarsa tenuta.

Il palo si trova nella zona alta di San Ciro, presso il comune di Ischia, precisamente in Via Morgioni nei pressi del numero civico 69. Un luogo particolarmente frequentato, non solo degli autoveicoli che si muovono su quella strada, ma anche da un notevole numero di persone che il giovedì, in occasione del mercato comunale, si riversano presso il parcheggio situato a pochi metri dal pericoloso palo.

“C’è chi nel nostro comune – ha sottolineato Giovanni Tufano sul proprio account Facebook – è così sadico da giocare alla roulette russa con la pelle dei cittadini. Ho denunciato il pericolo al Comando Vigili Urbani, che hanno inoltrato all’ Ente competente l’Enel la segnalazione. Le mie segnalazioni sono iniziate qualche mese fa e nulla e successo, gli unici come efficienza e risoluzione dei problemi sono i Vigili del Fuoco, l’ultima spiaggia prima che qualcuno si faccia male seriamente.”

Il palo, come è possibile notare anche dalle foto pubblicate è pericolosamente lesionato nella parte bassa, dove si evincono fratture che non erano presenti qualche mese fa, stando al preciso rapporto effettuato dal signor Tufano. “Quando accadono le disgrazie – si legge nel post, che assume un sapore particolare in questi giorni in cui si piangono decine di morti a Genova proprio per la mancata manutenzione al ponte Morandi – nel nostro paese nessuno paga l’unico rimedio è prevenire che accadano.”

DI ANTONELLO DE ROSA

Ads

Ads

Articoli Correlati

Rispondi

Back to top button