CRONACA

Sospetto Covid, Dino Ambrosino sottoposto a tampone

E’ stato il sindaco di Procida ad ufficializzare di averlo richiesto dopo aver accusato un leggero stato febbrile: il primo cittadino si è posto in isolamento, per adesso non ha sintomi

Forse è soltanto un eccesso di prudenza, o forse no. Ma siccome di questi tempi – e con l’aria che tira – la prudenza è assolutamente indispensabile, meglio sottoporsi all’ormai fatidico esame in grado di confermare oppure (come tutti vogliamo sperare) “scacciare” i cattivi pensieri. E stavolta a sottoporsi al tampone è stato il sindaco di Procida, Dino Ambrosino, che nel pomeriggio di ieri ha voluto comunicare la notizia ai suoi concittadini attraverso i suoi canali social. Un racconto di quanto accaduto che inizia così: “È arrivato anche il mio turno, oggi (ieri per chi legge, ndr) ho fatto il tampone covid. Sono stato poco bene con leggera febbre. Potrebbe essere stata solo stanchezza oppure un banale colpo di freddo. Ma potenzialmente anche altro, considerati alcuni sintomi dubbi. Per prudenza sono andato subito in isolamento e ho chiesto il tampone al mio medico di base; per adesso non ho raffreddore, né tosse, non ho perso appetito né senso del gusto”. Insomma, se una serie di sintomi potrebbero ricondurre al coronavirus, è anche vero che sotto altri aspetti Ambrosino non presenta alcuni tratti tipici dell’identikit di questo subdolo virus che sta letteralmente tormentando non soltanto l’Italia ma l’intero pianeta ormai da mesi.

Il sindaco procidano poi si sofferma su quanto accadutogli di recente e spiega: “Non ho avuto contatti con coloro che sono risultati positivi a Procida, ma sono stato diverse volte a Napoli, anche se sempre con la mascherina e rispettando le distanze. Oggi al Pronto Soccorso c’erano diverse persone in attesa, senza particolari file: tutti i giorni si somministrano regolarmente tamponi per il migliore controllo del territorio. I sanitari mi hanno confermato che gli esiti arrivano entro le 48 ore, poiché i nostri tamponi partono al mattino successivo per arrivare al laboratorio della Schiana. Ringrazio gli operatori della sanità che da mesi lavorano presso il nostro Presidio per gestire l’emergenza epidemiologica. Anche ai pazienti di oggi (ieri per chi legge, ndr) auguro il mio in bocca al lupo”. A Dino Ambrosino, ovviamente, sono pervenuti diversi attestati di stima ed incoraggiamento (oltre agli “in bocca al lupo” rituali) da parte di tantissimi cittadini, non soltanto residenti sull’isola di Procida.

Articoli Correlati

Rispondi

Back to top button