ARCHIVIO 2

Sotto Tiro – Comitato diritto e difesa alla salute

Stasera alla riunione del Comitato all’albergo San Giovanni dei fratelli Di Costanzo consegnerò una novità che forse può farci avviare verso l’ottenimento di una struttura ospedaliera adeguata ai sessantamila abitanti che risiedono sull’isola ed ai tanti ospiti che la frequentano in alta stagione ma non solo. Nel continuare ad interessarmi dell’ampliamento della struttura e nella creazione di una cittadella della salute. mi sono imbattuto in una notizia eclatante.

L’ingegnere Mario Iacono circa dieci anni fa prima di completare le opere di riammodernamento del Rizzoli ebbe incarico dalla ASL di progettare l’ampliamento dell’Ospedale. Su un terreno della Curia confinante a ponente dell’ospedale,la scuola e l’impianto della cabina elettrica dell’Enel.  Su una superficie di 1.800 metri quadrati avrebbero potuto elevarsi 4 piani per un superficie di 2.400 metri quadrati. Nel piano seminterrato vi sarebbero stati installati la Radiologia,Il Pronto soccorso,e il laboratorio d’Analisi,Piano terra ortopedia e Ambulatori. Al primo Piano medicina, Chirurgia, Rianimazione, Gruppo Operatorio. Al Piano Secondo Ginecologia/Ostetricia,Sala parto Pediatria U.T.C.C

Immaginate quanti spazi si sarebbero liberati nel vecchio complesso. Il progetto compì tutti i passi necessari ed arrivò fino alla apertura delle buste per determinare l’impresa che aveva vinto e che poteva eseguire i lavori. Purtroppo a questo punto la Regione non ebbe più a disposizione i fondi che aveva messo a bilancio e dopo che erano svaniti i milioni svanirono anche le speranze dell’ampliamento. Ora sento dire che la Regione ha molti fondi a disposizione. Cosa c’è di meglio che un progetto cantierabile?

Mercoledì prossimo incontro Don Vincenzo Trani per capire se il terreno della Curia è ancora a disposizione. Il Comitato può invitare  a dare una mano Gianluca Trani,come unico referente del Presidente della Giunta Regionale ad Ischia ad intervenire insieme alla Consigliera Regionale Maria Grazia Di Scala già presente alla passata riunione al Polifunzionale a dare una mano. L’idea di avere nell’altro terreno di fronte al Pronto soccorso una struttura con una sottoscrizione di azionariato pubblico tra i cittadini non va abbandonata. Dobbiamo puntare su tutto se vogliamo ottenere qualche risultato. Dei buoni a nulla capaci di tutto non ci dobbiamo più fidare. Come è possibile che i sei sindaci si siano fatti passare addosso, senza intervenire, una opera essenziale per Ischia? Invitando Maria Grazia e Gianluca il Comitato non concede più nessuno spazio ad un certo tipo di far politica.

 

Ads

Ads

Articoli Correlati

Rispondi

Controllare Anche
Close
Back to top button