ARCHIVIO 2ARCHIVIO 5

Sotto Tiro di Mizar, Idee radicali

L’isola ha bisogno di realizzare idee radicali da attuare con ragionevolezza. Che senso ha, per esempio nel Comune di Ischia, avviare la mobilità per poi fermarsi appena commercianti e tassisti reclamano? Che senso ha dirsi d’accordo,i sei sindaci,sulla difesa del mare e poi ritardare l’emanazione delle ordinanze sulla plastica?

E che senso ha non far rispettare le ordinanze sui saponi da due anni. Vorrei capire poi che senso ha non affrontare il problema della depurazione dell’isola in un ottica diversa. Possiamo evitare la costruzione dei depuratori come asseriscono tre scienziati della Università di Napoli. Perchè non si propone un confronto con il Commissario di Governo alla depurazione dopo la multa imposta all’Italia dalla UE? Potremo sopportare i costi della gestione dei depuratori? E se quello che dicono all’Università di Napoli fosse attuabile?

Altro assurdo: perché rimane inascoltato il grido di dolore che parte da questo giornale sul recupero dei terreni incolti e sull’agricoltura senza l’uso dei prodotti chimici? E perché avendo la scuola nell’isola dirigenti scolastici di grande prestigio non si organizza un piano che veda amministrazioni comunali,scuola e popolazione insieme per invertire l’atavico arretramento culturale esistente nell’isola? E poi vi sembra che gli industriali del turismo nell’isola possano ancora essere ancorati a schemi produttivi del secolo scorso? Come fare a convincerli che solo stando insieme e finanziando iniziative importanti di marketing territoriale possono uscire dal dramma che li sta portando alla fine di un ciclo? E purtroppo alla fine di un turismo che ci ha fatto vivere per 50 anni nella ricchezza?

Altra domanda è quella del perché l’isola non ha una sola ditta per la nettezza urbana. Anche. Perché ci affidiamo per il trasporto pubblico all’EAV,carrozzone regionale,e non pensiamo di avere una ditta isolana,pubblica o insieme ai privati,per svolgere un servizio serio con mezzi adeguati?

La Regione Campania ha speso pochi dei fondi che gli sono arrivati dall’Europa perchè nell’isola non abbiamo un ufficio congiunto delle sei amminiztrazioni comunali che si interessi di finanziamento.

Tra le cose da me elencate molte si possono ottenere senza interventi con le finanze comunali,altre con un po’ di organizzazione. Chiediamoci perché non si muove mai niente sull’isola nella direzione giusta. Come i lemming tutti diretti a mare per affogare?

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close