LE OPINIONI

Sotto Tiro di Mizar Il panorama

A distanza di tempo mi tocca ritornare su un aspetto del paesaggio ischitano che non è mai preso in considerazione dalle amministrazioni comunali. Mi riferisco alla difesa dei panorami. Parlo del Comune di Ischia. Partendo dal Miramare e Castello la schiera degli stabilimenti balneari, fino a Punta Molino, vieta di vedere il mare se non a sprazzi.

Arrivando allo stabilimento Cristina,a Punta Molino, ti rendi conto che il ristorante del bagno Cristina è alquanto alto mentre la siepe di pitosforo, deliziosamente profumata, più avanti andrebbe diradata per godersi il mare. All’albergo Parco Aurora due ingombranti serbatoi dello stabilimento balneare ed un capanno dell’albergo con pochi sodi potrebbero trovare una sistemazione adeguata. Cosa dire poi della strada di via Nuova Cartaromana? A partire dalle scuole elementari fino ad arrivare al parcheggio di Cartaromana basterebbe invitare i proprietari a regolarsi per eliminare gli ostacoli che vietano di guardare il mare. Conoscendo personalmente i proprietari sono sicuro che darebbero una mano al paese a farlo più bello.

Altra strada da prendere in considerazione è via Nuova Campagnano per finire a Monte Piccolo.

Ho postato su FB una foto di un drone fabbricato in Sud Africa che potrebbe funzionare da spazzino del mare. Il drone è di due tipi. Un tipo più economico costa 11.000 euro mentre un altro più sofisticato ne costa 15.000. In considerazione del prolungamento della Bolkstain al 2034 ho segnalato la cosa al buon Peppino La Franca. Purtroppo, mi ha risposto, che pur ritenendo la cosa buona, in questo momento l’investimento non è possibile. Immaginate come sarebbe utile usarlo dal bagno Maria a San Pietro.

Anzi io il drone lo farei manovrare dai ragazzi che fanno il bagno. Per loro sarebbe un piacevole divertimento mentre per i balneari diventerebbe un ottimo strumento di pubblicità. Ma come si fa ad investire 15.000 euro! Poverini guadagnano una miseria… Una cosa per la distribuzione della ricchezza. Non sarebbe il caso di non permettere agli stabilimenti sul mare forniti di ombrelloni e sedie in abbondanza di non poter svolgere l’attività di ristorazione dopo le 20 di sera? Enzo la vogliamo fare veramente bella l’isola o no?

Tags

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Controllare Anche
Close
Back to top button
Close