LE OPINIONI

Sotto Tiro di Mizar Ischia 2019

All’inizio secolo,nel 2001, Ischia sfiorò i sette milioni di presenze turistiche. Nel 2018 le abbiamo dimezzate. Tolti i soliti che ci lamentiamo e che lo segnaliamo sembra che nessuno si sia reso conto dove siamo precipitati. Una classe politica/amministrativa che come Casamicciola ci insegna in questi giorni e sull’esempio di Ischia e dell’intera isola ci sta trascinando nel più profondo abisso. Dall’inizio del secolo i protagonisti politici dell’isola, nel contesto politico che conta, sono stati Domenico De Siano e Giosi Ferrandino.

Sindaci, consiglieri provinciali, consigliere  regionale, deputato, senatore, europarlamentare, coordinatore regionale di un partito al potere, forte uomo del PD, questi i ruoli occupati dai due. E cosa hanno prodotto per l’isola? Se per i depuratori potrebbero volere una attenuante visto che la Commissione Europea ha dovuto sanzionare lo Stato per la sua inettitudine, non pensate che avrebbero potuto sostituire i Comuni dell’isola al posto della Regione che non ha provveduto a svolgere il proprio compito e poi chiedere i danni? Le ricche risorse finanziarie comunali come sono state impiegate?

Per la vivibilità sull’isola a partire dal traffico e dalla mobilità, per la mediocre classe politica che hanno fatto emergere,la colpa la possiamo senza ombra di dubbio addebitare completamente ai due.

Lo si evince anche dal comportamento attuale in coincidenza con le elezioni a Casamicciola ed al Parlamento Europeo.

Giocano a far emergere scartine. Se pensiamo che i nostri eroi sono anche albergatori, viene spontaneo chiedersi cosa facevano quando l’industria alberghiera si avviava verso un fallimento quasi totale. E’ mai possibile che non sentano la responsabilità di una autocritica e che non tentino una inversione di tendenza della loro linea politica/amministrativa? Sarebbe fantastico che i due, insieme,a Casamicciola, mettessero insieme quindici persone nuove e preparate per incominciare,  dopo un terremoto, un cammino diverso.

Annuncio
Tags

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close