LE OPINIONI

Sotto Tiro di Mizar L’intervista

Gaetano Ferrandino intervista il Sindaco di Ischia su ILGOLFO. Il Sindaco dice: non mi esalto per le cose buone che faccio né mi deprimo per quelle che sembrano non fatte bene. Un Sindaco ideale, dal carattere equilibrato, per un paese conservatore e che deve risolvere i piccoli problemi della sua collettività, pian piano cambio le cose. Ma quando un paese dopo cinquantt’anni di successo turistico si trova nelle condizioni socio/economiche di Ischia a me piacerebbe un Sindaco fornito di un pizzico di follia.

Un solo esempio: sulla mobilità. Costruirà partendo dai prossimi due anni un parcheggio all’ingresso del paese venendo da Casamicciola. Non vi sembra una idea dell’800 quando sull’isola circolano 64.000 auto? Se le sostituisse con 64.000 sistemi elettrici elimineremo smog e rumori ma sempre testa a testa circoleremmo e l’ingombro del ferro o della plastica sarebbe sempre lì a deturpare paesaggi. Ed allora non sarebbe più logico programmare come far spostare sull’isola 64.000 mila persone di residenti ogni giorno e i sette milioni di turisti?

Come? Con un progetto di mobilità diversa da quella delle auto. Abbiamo avuto due volte nella nostra storia chi si è affacciata a questa idea. La prima volta un ingegnere propose un treno intorno all’isola. Le auto in circolazione sull’isola erano ancora da venire. La seconda negli anni settanta del 900 ad opera di una consulta di commercianti ed anche qui il problema traffico non era così grave come ora.

Dagli anni settanta si sono succeduti Sindaci ed assessori che non hanno avuto fortuna nel risolvere il problema forse proprio per mancanza di idee o per volere risolvere il problema con gradualità

Il problema del clima, l’evolversi dei tempi, le crisi economiche a livello mondiale, il cambio di mentalità delle persone, l’evolversi del tipo di turismo cercato dalle persone ci portano a pensare che senza un energico taglio alla circolazione delle auto il problema non si risolve. Per la logistica e per la mobilità bisogna chiedersi quali sistemi di trasferimento persone e cose sono necessari. Che tipo di sistema va bene per una isola che è morfologicamente strutturata come la nostra isola? Queste sono le domande da affidare per un progetto a chi nel mondo sta cambiando il modo di spostarsi. Se guardate a società più evolute della nostra e che pensano anche in termini economici, vi accorgerete che far circolare sull’isola poche auto, per chi non non ne può fare a meno, non è impensabile

Annuncio

Ecco perchè pur essendo a fianco del Sindaco di Ischia vorrei spingerlo ad osare di più e non solamente sulla mobilità. Pensate,esistono già gli algoritmi e l’intelligenza artificiale.

Tags

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close