LE OPINIONI

Sotto Tiro di Mizar Luca D’Ambra e i pannolini caldi

Onestamente mi aspettavo da Luca D’Ambra, da poco presidente degli albergatori ischitani, qualcosa di più concreto nella sua impostazione per risollevare le sorti della sua categoria e del turismo dell’isola caduto veramente in una spirale di crisi che solo con interventi strutturali e di lungo periodo potrebbero dare qualche speranza di ritornare al numero considerevole di circa sei milioni di presenze annue, che registravamo all’inizio del nuovo millennio.

Ben venga una operazione sui tassisti,ma vi sembra questa una proposta di lungo respiro fatta dal presidente di una organizzazione che solo qualche mese fa ci aveva fatto sperare in qualcosa di nuovo?O la proposta di avere un brand con il prodotto come il nostro che vorremmo vendere nel mondo? Pensavamo che si dovesse partire da una organizzazione seria di difesa del territorio per poi passare ai diritti e doveri della classe imprenditoriale.

Mezza pensione negli alberghi? Eliminazione degli intrattenimenti negli alberghi? Eliminazione dei bus negli alberghi? Interlocuzione con gli amministratori per creare una sola società di raccolta spazzatura? Logistica dei trasporti sull’isola? Riduzione del parco auto degli ischitani con una mobilità diversa da inventare?Coordinamento di tutti i vigili urbani dell’isola? Inserimento dei tassisti nei giri dell’isola organizzati eliminando i mastodontici bus?

Su questi temi pensavamo in tanti che avremmo avuto l’impegno del valido Luca.

Cosa impedisce una azione del genere. Lo dica apertamente prima di bruciarsi personalmente se esiste la lobby del conservatorismo che gli impedisce di mettere in mostra le sue cpacità.

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close