ARCHIVIO 3ARCHIVIO 4ARCHIVIO 5

Sovrintendenza: saluta Imer, a Ischia Paola Bovier

La notizia non è ancora ufficiale e presumibilmente potrebbe non diventarlo nemmeno a breve, ma ormai è certa. C’è un cambio al vertice nel sovrintendente che con i suoi occhi guarderà all’isola d’Ischia. Saluta infatti l’architetto Aldo Imer, figura conosciutissima e stimata dalle nostre parti, ed al suo posto subentra Paola Bovier, altrettanto conosciuta soprattutto per avere ricoperto lo stesso incarico nella vicina isola di Procida. Insomma, tra chi lascia e chi arriva una cosa è certa: la dimestichezza con le realtà insulari, e quindi con tutti i problemi che questi territori – sottoposti a mille vincoli – si portano dietro, certamente non fa difetto a nessuno dei due.

La nomina di Imer risale esattamente al settembre di due anni orsono, quando l’architetto subentrò a Tobia Di Ronza. Una nomina che venne subito accolta di buon grado dalla comunità isolana ed in particolar modo dagli addetti ai lavori, dal momento che il predecessore aveva sempre occhi “diffidenti” verso l’isola verde e aveva dimostrato un’elasticità praticamente pari allo zero. Non a caso, sotto la gestione di Imer è anche cambiato il rapporto con la Sovrintendenza, che pure nel rispetto dei ruoli ha ripreso ad essere leggermente più elastico. Un lavoro, quello dell’uscente, che è stato riconosciuto in tutto e per tutto anche con la cittadinanza onoraria che i Comuni dell’isola a turno gli hanno conferito. Ideatore e curatore dell’evento “Torri in Festa Torri in Luce”, Imer ha tanti meriti ma – lo ripetiamo ancora una volta – soprattutto quello di aver riaperto al dialogo tra enti. Auguri per un proficuo lavoro, dalla redazione de Il Golfo, anche a Paola Bovier.

Gaetano Ferrandino

Articoli Correlati

Rispondi

Back to top button
Close