CRONACA

Spiagge, sull’isola restano le distanze tra ombrelloni

Lo lascia intendere il referente locale dei balneari, Giuseppe La Franca, che spiega: «A Ischia il distanziamento ci sarà ancora, seppur leggermente in misura un po' minore rispetto allo scorso anno»

È ufficiale: i titolari di stabilimenti balneari non dovranno più rispettare il distanziamento fra ombrelloni che ha caratterizzato le ultime due stagioni a causa della pandemia del Covid-19. Lo stabilisce l’ordinanza del Ministero della salute pubblicata lo scorso 4 aprile in Gazzetta ufficiale, che abolisce gran parte delle misure di sicurezza in precedenza in vigore per limitare la diffusione del coronavirus che ha sconvolto le nostre vite a partire da febbraio 2020. Con la fine dello stato di emergenza sono venute meno anche le precauzioni per mantenere il distanziamento fisico nei locali aperti al pubblico. Tra queste c’era l’area minima di 10 metri quadri per ogni ombrellone, che da quest’anno non sono più obbligatori. Le nuove linee guida ministeriali, infatti, non prevedono più gli obblighi di assicurare un metro di separazione tra gli utenti, di disporre gli ombrelloni in modo da garantire una superficie di almeno 10 metri quadrati per ogni ombrellone e di garantire una distanza di almeno un metro tra le attrezzature di spiaggia (lettini, sedie a sdraio) quando non posizionate nel posto ombrellone. Abolite anche le limitazioni per le attività ludico-sportive come gli sport da spiaggia, i balli di gruppo e le attività di animazione.

Le spiagge italiane, insomma, potranno finalmente tornare alla normalità, anche se per i gestori di stabilimenti balneari resterà ancora l’obbligo di alcune piccole misure straordinarie: il Ministero della salute invita infatti a «favorire modalità di pagamento elettroniche, eventualmente in fase di prenotazione», e a «riorganizzare gli spazi per garantire l’accesso allo stabilimento in modo ordinato, al fine di evitare code e assembramenti di persone; e se possibile organizzare percorsi separati per l’entrata e per l’uscita». Ancora, i protocolli suggeriscono una «regolare e frequente igienizzazione di aree comuni, spogliatoi, cabine, docce, servizi igienici, eccetera, comunque assicurata dopo la chiusura dell’impianto. Le attrezzature come lettini, sedie a sdraio, ombrelloni vanno disinfettati a ogni cambio di persona o nucleo familiare, e in ogni caso a ogni fine giornata». Viene finalmente cancellato, invece, l’obbligo di mantenere l’elenco delle presenze per un periodo di 14 giorni. «Nonostante l’abrogazione ufficiale del distanziamento minimo fra ombrelloni, come associazione abbiamo suggerito ai nostri associati di mantenere il distanziamento tra gli ombrelloni al fine di offrire un maggiore comfort ai turisti». Così spiega Giuseppe la Franca, presidente di Fiba Confesercenti dell’isola di Ischia, le direttive dei balneari isolani. «D’altronde, il distanziamento tra ombrelloni continua ad essere una misura di sicurezza, ma non solo. Il distanziamento è stato anche una novità molto gradita dai turisti, che hanno potuto godere di un maggiore spazio quando si stendevano sul proprio lettino ad adeguata distanza dal vicino chiassoso». E chiosa La Franca: «Il distanziamento tra gli ombrelloni e lettini ci sarà seppur leggermente in misura un po’ minore rispetto allo scorso anno».

Articoli Correlati

0 0 voti
Article Rating
Sottoscrivi
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
Visualizza tutti i commenti
Back to top button
0
Mi piacerebbe avere i vostri pensieri, per favore commentatex