PRIMO PIANOTOP STORIE

Stani Verde: «La crisi? Nessuna paura, gestiremo due nuovi alberghi»

La famiglia Verde pronta a scendere in campo ampliando i suoi orizzonti nel settore turistico-ricettivo e il consigliere foriano spiega: «Il coronavirus non mi spaventa, temo più l’ignoranza di chi si abbandona a facili allarmismi»

«Oggi è un buon giorno, entrano a far parte della nostra famiglia, altre due strutture alberghiere. Dopo l’ex Hotel Santa Lucia di Forio, a breve ufficializzeremo l’ingresso nel gruppo, di un’importante struttura situata nel cuore di Ischia Porto». Così Stani Verde ha annunciato l’apertura di due nuove strutture alberghiere sull’isola di Ischia. Un messaggio di fiducia ed ottimismo in un periodo particolare. Il turismo, infatti, è il settore che più sta patendo il Coronavirus. Federalberghi ha chiesto al Governo di promuovere iniziative per la tutela di 300.000 imprese e 1,5 milioni di lavoratori, che producono ogni anno un valore aggiunto di 90 miliardi di euro, con più di 430 milioni di presenze turistiche ed oltre 48 miliardi di euro spesi in Italia dai turisti stranieri. Ed Ischia non è da meno. «Da quando l’emergenza Coronavirus è arrivata in Italia non ci sono più prenotazioni», ci hanno confermato gli imprenditori del settore turistico. E la stagione comincia tra poco più di un mese. Chi va in controtendenza in questo momento è Stani Verde. «A Pasqua entreranno a far parte della nostra famiglia l’ex hotel Santa Lucia a Forio ed un’altra struttura», ci conferma Stani Verde. Si tratta di un 4 stelle con spa, piscina e un ristorante che sarà il fiore all’occhiello della struttura con la sua vista mozzafiato sul mare. «Sulla seconda struttura non posso dire ancora nulla. Sarà una sorpresa. Posso solo anticipare che è una struttura nel cuore di Ischia con 150posti letto». La famiglia Verde al momento è già proprietaria dell’hotel Verde a Lacco Ameno e dell’hotel Bristol a Casamicciola.

«Non ci fa paura il Coronavirus. Mi fa più paura l’ignoranza di alcune persone che si abbandonano a facili allarmismi», conferma Verde che assicura; «Per Pasqua saremo pronti. I collaboratori che fanno parte della nostra grande famiglia sono pronti». Le due strutture sono quasi pronte. Manca poco. La scelta di Stani Verde di investire sull’isola di Ischia e nel settore turismo, appare, in questi giorni, una scelta coraggiosa. «La nostra non è una scelta coraggiosa. È solo una conferma del nostro amore incondizionato nei confronti della nostra isola», ci conferma. «Ho scelto di annunciare l’allargamento della famiglia con queste due strutture proprio in questi giorni per infondere un segnale di fiducia a tutti gli imprenditori. Non dobbiamo essere sempre pessimisti. Un atteggiamento negativo fa male prima a noi imprenditori che viviamo di turismo e poi all’intera isola. A Capri, ad esempio, anche in questo periodo di difficoltà, stanno continuando a lanciare messaggi rassicuranti malgrado anche loro stiano soffrendo il calo di prenotazioni. Ma non manca la fiducia. Ed anche noi dobbiamo imparare ad essere ottimisti». La parola d’ordine di Stani Verde è una: ottimismo. «Nel 2017 – ci spiega – con il terremoto abbiamo imparato quanto sia importante saper comunicare bene ciò che accade. Il sisma ha messo in ginocchio l’intero settore del turismo ischiano. Siamo riusciti a risalire la china solo quando abbiamo cominciato a lanciare messaggi positivi, in primis sui social network. Chi deve scegliere un posto per trascorrere una vacanza deve essere rassicurato. Deve poter scegliere in serenità un posto dove si respira positività, ottimismo e serenità. Allora i media nazionali hanno dipinto Ischia come un’intera isola terremotata, adesso bisogna lavorare per metterci alle spalle il caso di Coronavirus».

Stani Verde non vorrebbe soffermarsi troppo sull’argomento. Incalzato, però, cede. «La verità è che anche questa volta la nostra immagine non è stata gestita bene. Abbiamo gestito male la situazione ancor prima dell’emergenza». E qui si apre un altro capitolo. «Non voglio fare polemiche anche perché oltre un imprenditore sono un consigliere comunale di opposizione a Forio. Per senso di responsabilità con gli altri consiglieri comunali di minoranza abbiamo dato la massima disponibilità all’amministrazione comunale ad una sana e proficua collaborazione. Ma credo che comunque la situazione sia stata gestita male». Per Stani Verde «Bisognava contattare i turisti prima dell’arrivo sull’isola ed invitarli a procrastinare di qualche settimana il soggiorno a Ischia solo ed unicamente per consentire una vacanza in maggiore tranquillità».

E continua: «Avremmo dovuto spiegare ai nostri ospiti che abbiamo un ottimo ospedale dove lavorano persone competenti a capaci. Ma che non eravamo ancora pronti con strumenti adeguati a fronteggiare una eventuale emergenza. E ciò lo avremmo fatto per tutelare l’incolumità dei turisti così come degli isolani». «Anche perché la poca serenità diffusa ha creato scene come quelle che abbiamo visto al porto. Chi ha bloccato al porto il pullman l’ha fatto perché, evidentemente, non si è sentita sicura, protetta né tutelata da chi dovrebbe mettere in atto delle azioni di tutela della salute». E chiosa Stani Verde: «Speriamo di metterci presto questa vicenda e l’emergenza Coronavirus alle spalle e cominciare presto una buona stagione turistica per la nostra isola. Personalmente e con l’intera famiglia ci siamo messi nuovamente in gioco e lo stiamo facendo. Siamo pronti a mettere in campo sempre più azioni per il turismo ed il benessere di Ischia».  

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close