CRONACA

Stipendi arretrati, l’Asl disponibile al versamento “coperto” da fideiussione

L’azienda sanitaria accetta la proposta lanciata dai sindaci isolani per tamponare l’emergenza-salari ai dipendenti di Villa Mercede

Subito dopo la conferenza al Rizzoli, il dottor Antonio D’Amore ha incontrato i sindaci isolani. Questi ultimi alcuni giorni fa avevano lanciato una proposta  per fronteggiare una delle emergenze derivanti dalla situazione di Villa Mercede, quella relativa agli stipendi arretrati per i dipendenti della struttura, i quali non percepiscono più la retribuzione dallo scorso dicembre. Un dramma nel dramma, per il quale i sindaci avevano proposto all’Asl di effettuare un versamento di denaro a favore del Consorzio Nestore, che detiene la gestione del servizio presso la struttura, allo scopo di pagare gli stipendi, versamento che sarebbe coperto come garanzia da una polizza fideiussoria da parte del Consorzio, se il contenzioso in atto tra le parti dovesse risolversi negativamente per quest’ultimo.

Va infatti ricordato che tra il Consorzio e l’azienda sanitaria locale c’è una vertenza in cui sono in ballo svariate centinaia di migliaia di euro (circa 700mila). Il dottor D’Amore ha dichiarato che l’Asl, ferma restando la fideiussione del Consorzio, è disponibile a effettuare il pagamento. In tal modo, anche gli stipendi di aprile, maggio e giugno verrebbero versati ai lavoratori. I sindaci hanno deciso di contattare nuovamente la Prefettura per riconvocare il tavolo tecnico e cercare dunque di tamponare almeno questo aspetto. Si è parlato anche del “passaggio di cantiere”, cioè del mantenimento dei livelli occupazionali al momento del cambio di azienda nella gestione del servizio, ma questo, come leggete in altra parte del giornale, resta uno degli aspetti controversi della drammatica vicenda che stanno vivendo i lavoratori di Villa Mercede.

Tags

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close