Statistiche
ARCHIVIO 3ARCHIVIO 5

Strade insidiose, ancora due incidenti

ISCHIA – Procede ad un ritmo inquietante la sequenza di incidenti che si sta registrando nell’ultimo periodo sulle strade dell’isola. Ieri mattina, una donna di origini dominicane è stata investita da uno scooter mentre stava attraversando la strada sulla litoranea tra Casamicciola e Lacco Ameno. Centrata in pieno dal ciclomotore, la donna è stata soccorsa da alcuni passanti prima dell’intervento del 118. Ricoverata al pronto soccorso del nosocomio lacchese per le prime cure, la donna versa in buone condizioni di salute, nonostante lo spavento.

Sempre ieri, sulla strada che collega Testaccio alla spiaggia dei Maronti un automobilista ha perso il controllo della propria auto andando a sbattere contro un lampione della pubblica illuminazione. Tanto spavento e nessun danno fisico per il conducente anche in questa occasione, ma l’autovettura è andata distrutta ed ha compromesso anche l’integrità strutturale del lampione, che è stato transennato e che nei prossimi giorni sarà sostituito.

Con i due incidenti di ieri sale a undici il computo complessivo di sinistri stradali che si sono verificati sulle strade dell’isola solo negli ultimi 60 giorni. A far diventare allarmante il quadro, il numero di persone coinvolte: solo in una occasione non si sono registrati feriti. Nel complesso, però, sono state 10 le persone costrette a ricorrere alle cure del Rizzoli. In tre casi, le vittime di incidente versavano in condizioni gravi. Per uno di loro, si è reso necessario il trasferimento in terraferma.

La situazione è destinata a peggiorare con l’inoltrarsi della stagione turistica ed il conseguente aumento esponenziale di autovetture in circolazione lungo le strade dell’isola. Negli anni sono state proposte diverse soluzioni per tentare di arginare il fenomeno, dalle targhe alterne al divieto totale di sbarco anche per chi arriva da fuori regione. La scelta di non scegliere è sempre stata l’unica soluzione proposta dalla politica locale e nel corso degli anni è stato versato un inaccettabile tributo di sangue il cui ultimo, doloroso capitolo è stato la morte della 14enne Marianna Di Meglio, investita nella centralissima via Antonio Sogliuzzo poco più di un anno fa.

 

Ads
Ads

Articoli Correlati

0 0 voti
Article Rating
Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Visualizza tutti i commenti
Back to top button
0
Mi piacerebbe avere i vostri pensieri, per favore commentatex
()
x