CRONACAPRIMO PIANO

Summit tra Sindaci ed Eav, quale futuro per la mobilità ischitana?

Nella mattinata di ieri i rappresentanti delle amministrazioni e i vertici dell’azienda hanno dibattuto a lungo. Tante le idee in cantiere, possibile una rivoluzione nel settore

Traffico a Ischia, cosa dobbiamo aspettarci per il prossimo futuro? Come evolverà la mobilità degli automobilisti negli anni a venire? Che sia arrivato il tempo delle decisioni è ormai più che un obbligo una necessità. Ce lo ricordano i turisti. Ogni volta che sbarcano a Ischia non mancano di sottolineare quanto caotica sia diventata Ischia, con un traffico che sembra da metropoli.

E se un’isola perde la sua caratteristica più pregnante, ovvero l’aspetto sereno che dovrebbe avere un luogo baciato dal Mediterraneo perde anche la sua identità. Ma lo sottolineano anche i residenti che proprio non hanno alcuna alternativa all’automobile dato che il servizio pubblico dell’Eav non per tutti rappresenta un punto di riferimento da utilizzare al posto dell’auto. Vuoi per cultura, vuoi per abitudine e vuoi anche per la difficoltà a raggiungere le zone più periferiche del territorio.

Per discutere del futuro della mobilità pubblica dell’isola i rappresentanti delle sei municipalità isolane si sono incontrate con i vertici dell’Eav. Nella sala consiliare del municipio di Ischia erano presenti Enzo Ferrandino, primo cittadino di Ischia, Dionigi Gaudioso, sindaco di Barano, la consigliera comunale Gianna Galasso di Forio, il sindaco di Serrara Fontana Rosario Caruso. Per il comune commissariato di Lacco Ameno il comandante della Polizia Municipale Raffaele Monti e per Casamicciola il consigliere Stani Senese. Presenti anche il vice sindaco Luigi Di Vaia e il consigliere Pietro Ferrandino per Ischia e il vice sindaco di Barano Raffaele Di Meglio. Una platea ampia e nutrita che ha avuto modo di interloquire con i vertici dell’Eav, giunti sull’isola per discutere del futuro del servizio pubblico ischitano.

Dall’azienda erano presenti l’Ingegnere Pasquale Sposito direttore generale operativo dell’Eav, ingegnere Mariano Vignola direttore trasporto automobilistico, il responsabile attivita dell’ isola d’Ischia Nunzio Cozzolino, Pasquale di Massa per coordinamento isole e Mario Polito coordinatore esercizio di Ischia.

RIVOLUZIONE VIABILITÀ’ A ISCHIA: SENSI UNICI IN VIA ALFREDO DE LUCA E VIA ANTONIO SOGLIUZZO?

Non c’è ancora nulla di ufficiale ma sono ormai diversi mesi che l’amministrazione Ferrandino discute della possibilità di attuare una vera e propria rivoluzione della mobilità nel cuore di Ischia. Secondo le intenzioni, via Alfredo De Luca e via Antonio Sogliuzzo, ovvero le strade che da piazza degli Eroi conducono al Porto e verso Ischia Ponte, potrebbero diventare a senso unico. Un cambiamento epocale che naturalmente coinvolgerebbe anche i mezzi dell’Eav costretti, in tal caso, a cambiare percorso. Solo i mezzi più piccoli, quelli che effettuano il trasporto da Ischia verso Ischia Ponte (come la linea 7) potrebbero continuare a transitare nel centro. Gli altri bus che effettuano i collegamenti tra il porto e i Maronti e Fiaiano, nonché l’attuale CD, potrebbero non transitare più per il centro. A questo proposito è allo studio la creazione di un ulteriore capolinea nel parcheggio di Fondobosso dove tali bus concluderebbe la propria corsa, continuando però a raggiungere Piazza degli Eroi e il Porto. La strada da Piazza degli Eroi a piazza Trieste e Trento sarebbe però negata ai bus di grandi dimensioni, per snellire una strada che ormai da tempo subisce imbottigliamenti continui con grave ritardo per i bus stessi e le altre autovetture. Dai 2-300 bus che ad oggi passano ogni giorno nel cuore di Ischia si passerebbe a poche decine, piccoli e funzionali. Un’idea che potrebbe donare un nuovo volto alla circolazione ischitana.

ADDIO AI GIRI DELL’ISOLA DI CD E CS

Rimodulazione è la parola d’ordine dell’Eav. Ed è probabile che anche la CD e la CS, storiche corse prima della Sepsa e poi dell’Eav, potrebbero andare in pensione per fare spazio a linee che partendo dal Porto arriverebbero a Cava Grado per poi tornare sul proprio percorso. Si cancellerebbe così il giro dell’isola – a parte rare eccezioni, magari durante l’orario scolastico – per ridurre così i ritardi che si accumulano a causa dei piccoli imprevisti che gli autisti trovano sul cammino e che si addizionano fino a creare ritardi che lasciano nell’incertezza, per lungo tempo, gli utenti in attesa sulle fermate.

NUOVI BUS SULL’ISOLA D’ISCHIA, CI SARANNO ANCHE MEZZI ELETTRICI

Durante l’incontro si è inoltre ricordato che i 5 bus arrivati a fine dicembre saranno tra poco in circolazione sull’isola e che nelle prossime settimane sono attesi 7 nuovi bus, più piccoli. In primavera inoltre arriveranno ulteriore 13 bus tra Ischia e Procida a rinforzare una flotta di mezzi che aveva decisamente bisogno di una rinfrescata dato che ci sono pullman ormai esausti che non aspettano altro di poter andare in pensione. A breve potrebbero sbarcare sia a Ischia che a Procida anche dei mezzi elettrici per effettuare dei test e capire se l’elettrico possa funzionare a Ischia.

MEZZI EAV A METANO?

Un’altra possibilità rivoluzionaria potrebbe riguardare l’approvvigionamento di carburante per i mezzi del servizio pubblico. L’idea di convertire a gas metano il servizio pubblico di Ischia non è nuovo. Eav ha già effettuato un bando di gara per poter installare un impianto di gas metano all’interno del deposito. Un servizio che potrebbe essere utilizzato anche dai privati cittadini, in modo da far aumentare il numero di vetture a gas sull’isola.

GPS SUI BUS, NEL 2020 DIREMO ADDIO ALLE ATTESE AL BUIO SULLE FERMATE?

Attendere un bus che non arriva è snervante. Ancora di più se non si sa per quanto tempo gli utenti saranno costretti ad aspettare, senza sapere i tempi di arrivo. Problema che potrebbe essere facilmente risolto con l’installazione di apparecchi gps su ogni bus che collegati poi ad un’applicazione scaricabile su smartphone potrebbe fornire vitali informazioni agli utenti dell’Eav che potrebbero così finalmente conoscere i tempi di arrivo del proprio mezzo di trasporto Il sistema avveniristico potrebbe essere installato a breve sui mezzi isolani e anche quelli della Regione.

Foto Franco Trani

Articoli Correlati

Un commento

  1. quando si muovono i sindaci, vuol dire solo ed esclusivamente, ASSUNZIONI ELETTORALI. altrimenti dicono a Roma : gliene po’ fregar de meno PUNTO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close