CULTURA & SOCIETA'PRIMO PIANO

Taglio, piega e colore per le donne della Catena Alimentare Nunzia Mattera

L’iniziativa, riuscitissima, di Luigi d’Aniello, coiffeur casamicciolese, «è stata una giornata fantastica, ho fatto di tutto per farle sentire bene, belle e coccolate»

Arriva una bella storia dal centro di Casamicciola dove Luigi D’Aniello, giovane parrucchiere del posto, ha ospitato nel suo giorno di chiusura – il lunedì – le donne che usufruiscono della spesa della Catena Alimentare Nunzia Mattera per far loro taglio, colore e piega. Hanno partecipato il 20 a questa bellissima iniziativa che le ha fatte sentire coccolate per un giorno e un po’ più belle del solito. «L’ho fatto veramente con il cuore – racconta Luigi D’Aniello – non per altro. L’ho fatto solo per vedere sorridere queste persone che hanno veramente delle realtà che possono solo insegnarci qualcosa in più. Il loro grazie e le lacrime che ho visto negli occhi di alcune persone lunedì scorso per me è stato emozionante. Ho visto in loro la felicità». Alle volte basta poco.

Queste persone, dalle donne anziane alle bambine, si sono sentite accolte da uno staff, gratis al loro servizio, e con qualche attenzione in più: qualche amica della Catena Alimentare ha, infatti, preparato dolci e caffè per rendere quel lunedì dal parrucchiere ancora più speciale. «Non erano tutte del posto e non tutte italiane. Mentre erano nel mio salone – ha detto ancora Luigi – si sono aperte, raccontando la loro storia. Ho sentito di realtà che possono insegnare tanto. La disperazione, il sacrificio, situazioni di difficoltà vissute però sempre con il sorriso specialmente per chi ha dei figli». Qualcuna aveva timore di chiedere un tocco di colore ai capelli ormai bianchi, ma è stato Luigi a prendere l’iniziativa. «Abbiamo fatto tutto ciò di cui avevano bisogno e tanto desiderato. É stata una giornata fantastica, ho fatto di tutto per farle sentire bene, belle e coccolate, iniziando con l’accoglierle con dolci e caffè grazie anche alla collaborazione di un bar e di una mia cliente che si è offerta di fare tanti dolci». Non è nuovo Luigi a queste iniziative: la settimana scorsa era in una casa di cura dove c’è anche sua nonna e, in mezza giornata, con il suo staff, ha fatto belle tutte le nonnine. «Sono persone sistemate lì da tempo, alcune non ricordano neppure più il loro nome. Persone messe lì e dimenticate, contentissime di avere qualcuno che si prendesse cura di loro». Bontà senza fine, la sua, che adesso vorrebbe organizzare una giornata speciale, tutta dedicata al make up, nel reparto oncologico dell’Ospedale Pascale di Napoli. «Riuscirci – ci racconta – sarebbe molto importante per me anche a livello personale, ma so che non sarà facile. In quel reparto, purtroppo, ho vissuto con mia mamma un po’ di tempo. La sua battaglia, però, non è stata vinta, ma vorrei coinvolgere anche colleghe dell’isola per una giornata tutta dedicata al make up. Sarebbe bello andare lì e donare, anche solo per un giorno, quella femminilità che purtroppo, queste guerriere, perdono a causa dell’aggressività delle cure. Credo sia un dovere per tutte queste fantastiche persone»

Articoli Correlati

Rispondi

Back to top button
Close