CRONACA

Taxi, Ferrandino stoppa le polemiche: «Non ci sono nè vincitori né vinti»

Il sindaco di Ischia allontana le polemiche e rilancia: «I tassisti rappresentano il primo approccio dei turisti con la nostra isola. Bisogna migliorare il servizio»

La tariffa predeterminata invariata con l’applicazione di un eventuale supplemento bagagli quando la valigia supererà le dimensioni di 50 x 70 centimetri pari ad 1,50 euro a bagaglio per un massimo di 5 euro. Questo, in sintesi, l’accordo raggiunto tra l’amministrazione comunale ischitana guidata dal sindaco Enzo Ferrandino e i tassisti. Il primo cittadino non vuol sentir parlare di “vittoria” o “sconfitta” “ne va della vivibilità del nostro paese”, ci conferma. 

Al netto delle polemiche, è soddisfatto dell’accordo raggiunto con i tassisti? 

«Ho notato che si è accesa una polemica ed una discussione secondo la quale ci sono vincitori e vinti, ma io non la vedo così. Le polemiche dividono mentre l’intento di un’amministrazione comunale è quella di raggiungere un accordo per unire e da questo presupposto sono partito sedendomi al tavolo con i tassisti. Non abbiamo alcun interesse a creare fazioni e divisioni. Aver raggiunto un accordo con gli operatori non può che farmi ritenere soddisfatto». 

Perché ha pensato di dar vita ad una tariffa predeterminata? 

«Inutile nasconderlo: ci sono dei tassisti poco onesti pronti ad approfittarsene dei turisti. Siamo chiari ed evitiamo polemiche: persone poco oneste ci sono in ogni categoria e non solo tra i tassisti. Per invogliare residenti e turisti ad utilizzare il taxi abbiamo dato vita alla tariffa predeterminata valida nel solo territorio del Comune di Ischia. In questo modo si invoglia a prendere questo mezzo e ad isolare chi prova a fare il furbo». 

È anche una questione di viabilità, vivibilità e turismo? 

«Soprattutto. Ho spiegato ai tassisti che dobbiamo far tornare la gente ad usare i taxi e che il giusto prezzo accompagnato a servizi buoni erogati è il futuro su cui dobbiamo puntare. L’uso del taxi elimina altre auto sulle nostre strade e ne guadagna la viabilità e la vivibilità della nostra isola. E non solo: non dobbiamo dimenticare che appena sbarcati sull’isola, al porto, il primo impatto si ha proprio con i tassisti. Per questo voglio una buona qualità del servizio che rappresenti la qualità nella nostra offerta turistica». 

Effettivamente quando si arriva al porto di Ischia c’è un tappeto bianco di auto: i taxi. 

«Vero. Proprio per questo la nuova tariffa predeterminata di 10 euro partirà nel momento in cui sull’area portuale partirà il nuovo contingentamento dei taxi che prevede la seguente “mappa” ed i seguenti numeri: nella zona dello sbarco degli aliscafi potranno sostare soltanto 15 autovetture, altre 10 invece potranno prendere posto presso la banchina Olimpica, nell’area attigua allo sbarco dei traghetti provenienti da Napoli e Pozzuoli. Un bel cambiamento considerando che in alcuni giorni ci sono fino a 50 auto bianche in attesa dei turisti». 

Ed i tempi quali sono? 

«A stretto giro. Entro fine settimana o al massimo entro i primi giorni della prossima. Siamo quasi pronti. A chiedermi questa modifica sono stati anche i residenti ed i commercianti del porto. Spesso, infatti, per loro è impossibile arrivare e/o transitare nei pressi delle loro abitazioni o attività commerciali in quanto tutta l’area è occupata dai tassisti». 

Insomma di tratta di un cambiamento importante. 

«Si, lo è. I tassisti devono tornare a lavorare e lo devono fare bene. In questo modo possiamo puntare alle diminuzioni delle auto in transito per le nostre strade e non solo. Il petrolio della nostra isola è il turismo e non dobbiamo dimenticare che i turisti scelgono una meta non solo per il mare e per le bellezze naturali, ma anche per i servizi offerti. Non possiamo immaginare che la nostra isola non offra un servizio di trasporto adeguato. I presupposti ci sono. L’invito ai tassisti è quello di continuare a lavorare e confrontarci per migliorare insieme»..  

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close