ARCHIVIO 4ARCHIVIO 5

Teatro, che successo per gli Uomini di Mondo all’Augusteo!

di Isabella Puca

ISCHIA – Erano in 400 domenica pomeriggio ad applaudirli con forza e a ridere con loro, paliamo del gruppo teatrale degli Uomini di Mondo reduce da un’intensa emozione: recitare al teatro Augusteo di Napoli per la VII edizione della rassegna del teatro amatoriale. Non è la prima volta per il gruppo di attori capeggiati da Corrado Visone e Valerio Buono, calpestare un palcoscenico di quella fama. Qualche anno fa, era il 2012, da Ischia furono catapultati sul palcoscenico napoletano del teatro Politeama con la versione teatrale di “Così parlò Bellavista” e anche quella volta, fu un successo. Questa volta però l’emozione è stata duplice, non si trattava soltanto di recitare, ma di mettere in scena un testo originale scritto da Corrado Visone.  Quel palcoscenico, prima di loro, è stato calpestato inoltre dai più grandi del teatro napoletano e non, un privilegio dunque che non è da tutti i giorni e che reca un brivido lungo la schiena per chi il teatro, lo ama davvero. «È stata un’esperienza molto bella, – ci racconta all’indomani dell’esibizione Corrado – recitare in un teatro del genere per chi ha questa passione è un’emozione fortissima. La magia del teatro si è palesata tutta, le commedia è andata benissimo, il pubblico ha riso tantissimo e gli applausi erano fragorosi, la giuria si è complimentata molto per il ritmo e l’interpretazione e per il fatto che il soggetto della commedia è molto originale».

Il gruppo di attori è andato in scena con la commedia “Un posto fisso in paradiso”, che già vincitrice del Premio “Schegge di teatro” e dopo aver preso parte al premio Rafanelli, ha visto un nuovo cast di attori, ma le stesse battute brillanti di sempre. L’agenzia di pompe funebri napoletana ha dunque nuovamente preso vita, insieme agli aspiranti suicidi, personaggi particolareggiati che tra tentativi di suicido falliti, impacchi di cipolle e necrologi d’amore hanno inscenato un potentissimo inno alla vita. Tra il pubblico un centinaio di ischitani, tutte le altre poltrone, circa trecento, erano occupate da pubblico educato al teatro, tra abbonati, componenti della giuria e alcuni giornalisti, che hanno particolarmente apprezzato la messa in scena.

«Per me – racconta ancora Visone – andare all’Augusteo con una commedia scritta di mio pugno e, interamente pensata da noi dall’inizio alla fine, coi personaggi costruiti dagli attori stessi, è una cosa meravigliosa, il premio di tanti anni di fatica e sacrifici». E come premio, ieri sera, non c’è stata solo la soddisfazione di uno spettacolo ben riuscito. Prima che il gruppo andasse in scena c’è stato l’annuncio dei premi per il Festival Popolare di Amantea al quale gli Uomini di Mondo hanno preso parte con “Sabato, domenica e un’alba” che si è aggiudicato il premio per il miglior spettacolo. Un premio anche a Valerio Buono per la regia, a Sara Migliaccio come attrice protagonista, allo stesso Visone come attore non protagonista e ad Alessandra Crisculo come attrice non protagonista. In contemporanea anche la premiazione della rassegna Voci Vivaci di Villaricca dove Valentina Lucilla DI Genio ha vinto il premio di miglior attrice non protagonista per la sua interpretazione in “Un posto fisso in paradiso”. Un maggio dunque ricco di emozioni per il gruppo ischitano che mai ha smesso di credere nella passione per il teatro e che è riuscito a raccogliere successi anche in terraferma dove la cultura per il teatro è qualcosa di ben consolidato.

Ads

Articoli Correlati

Rispondi

Back to top button