Statistiche
ARCHIVIO 3ARCHIVIO 5

Terremoto e soccorsi, chiesto l’encomio per uomini e donne della guardia costiera

CASAMICCIOLA TERME. Dopo carabinieri e polizia, tocca anche alla guardia costiera. La giunta municipale di Casamicciola Terme, infatti, ha varato una delibera avente ad oggetto il sisma dello scorso 21 agosto e nello specifico il “riconoscimento e proposta di segnalazione per conferimento ricompensa al merito civile nonché per attestato al merito per tutto il personale che ha partecipato alle operazioni di soccorso dell’ufficio circondariale marittimo di Ischia”. Insomma, un encomio anche per i militari che in quella drammatica sera e notte non risparmiarono gli sforzi in un momento davvero terribile per la comunità della cittadina termale e dell’isola d’Ischia in genere.

Nell’atto varato dall’esecutivo guidato dal sindaco Giovan Battista Castagna si rammenta che “il 21 Agosto 2017 il Comune di Casamicciola Terme, il Comune di Lacco Ameno e parte del Comune di Forio venivano colpiti da un evento sismico che provocava la morte della Signora Lina Balestrieri in Cutaneo della Signora Marilena Romanini, diversi feriti e gravi danni all’abitato, agli edifici pubblici, alle Chiese oltre che migliaia di sfollati” e che “nelle operazioni di soccorso coordinate dalla Protezione Civile Nazionale, gli uomini e le donne dell’Ufficio Circondariale Marittimo di Ischia – Guardia Costiera, si distinguevano per l’impegno profuso nella prima assistenza alla popolazione sconvolta dal più grave evento sismico che ha colpito la comunità di Casamicciola Termale dopo il devastante terremoto del 1883”. In particolare nella delibera di giunta si racconta anche dell’esodo di massa gestito senza particolari problemi anche grazie all’opera degli uomini guidati dal t.v. Alessio De Angelis: “Il personale dell’Ufficio Circondariale Marittimo di Ischia – Guardia Costiera prestava servizio ad Ischia nei giorni 21-22-23 agosto 2018, e si sono particolarmente distinti nella gestione della fase iniziale dell’emergenza garantendo l’arrivo delle colonne di soccorritori dalla terraferma all’isola. Al contempo gestivano il consistente e straordinario deflusso di passeggeri ed autoveicoli che già nella notte del 21 si recavano nei porti nel tentativo di lasciare immediatamente l’isola d’Ischia. Collaboravano costantemente e direttamente con il Comandante dell’Ufficio Circondariale Marittimo nella gestione dell’emergenza sin dalle sue fasi iniziali, rispondendo a numerose richieste dell’utenza in ordine alle partenze in programma nonché nell’assicurare l’arrivo nei porti dell’isola di unità navali trasportanti colonne di soccorso e personale di rinforzo nella gestione dell’emergenza. Mantenevano inoltre costanti contatti con le società armatrici delle unità di porto, garantendo e organizzando spostamento di navi , arrivi, partenze e viabilità in ambito portuale. Mantenevano inoltre costanti contatti con le società armatrici delle unità di porto, garantendo spostamenti di navi, arrivi, partenze e viabilità in ambito portuale secondo le linee di indirizzo dettate dal Dipartimento di Protezione Civile presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri nella gestione dell’emergenza. Nell’immediatezza del sisma si recavano su disposizione del Comando, nel Porto di Casamicciola e di Ischia per fornire assistenza a migliaia di persone che nel frattempo si erano radunate nei porti anche per chiedere informazioni sulle prossime partenze-straordinarie, la maggior parte in evidente stato di agitazione, ansia e paura. Si adoperavano inoltre a garantire l’operatività del porto in vista della partenza straordinaria di un’unità Medmar organizzata per trasferimento di persone e veicoli da Casamicciola a Pozzuoli”.

Nella delibera, ancora, si dà atto che sono intervenute le seguenti unità di personale: Alessio De Angelis, Antonio Cosimato, Stefania Loreti, Pietro Piccirillo, Giovangiuseppe Ferrandino, Stefano Musella, Camillo Buono, Pietro Iacono, Vincenzo Coppola, Antonio Caiazzo, Pietro Guadagno, Alessandro Mele, Mario Durante, Alessandro Merolla, Giuseppe Vallozzi, Biagio Carannante, Orlando Cozzolino, Antonio Gallo, Edoardo Striano, Marco Gubitosa. E poi si arriva infine alle determinazioni del caso: “Il Comune di Casamicciola Terme interpretando i sentimenti di affetto e riconoscenza della comunità locale, intende conferire agli uomini e alle donne dell’Ufficio Circondariale Marittimo di Ischia – Guardia costiera, guidata dal Comandante TV (CP) Alessio De Angelis, l’encomio solenne per l’attività di soccorso prestata nell’immediatezza del evento sismico e altresì proporli al Ministro dell’Interno per l’attribuzione di un massimo Riconoscimento al valore Civile. Si ritiene doveroso proporre gli uomini e le donne che si sono mostrati nell’immediatezza più valorosi e tutto il personale intervenuto nelle operazioni di soccorso, per il conferimento degli attestati di Pubblica Benemerenza rilasciato dalla Protezione Civile, stabilendo l’invio della deliberazione alla Presidenza del Consiglio dei Ministri ed al Dipartimento della Protezione Civile”. Insomma, la proposta di un giusto riconoscimento anche agli uomini della guardia costiera: se quella indimenticabile notte del 21 agosto gli eventi non sono precipitati ancora di più e il panico non sia divenuto incontrollabile, lo si vede anche a loro

Articoli Correlati

0 0 voti
Article Rating
Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Visualizza tutti i commenti
Back to top button
0
Mi piacerebbe avere i vostri pensieri, per favore commentatex
()
x