Statistiche
ARCHIVIO 2

Come ti tolgo la benzina

 

di Graziano Petrucci

Molti lettori – se ne avessi molti – s’indignerebbero giustamente con me per il solo fatto di aver sollevato la questione. Da parte della Prefettura c’è stato il diniego alla richiesta d’iscrizione nella lista d’imprese non soggette a infiltrazione mafiosa avanzata da Ambrosino SRL che sull’isola si occupa di distribuire benzina e gasolio e, perciò, a tanti non solo è già tutto chiaro, ma sta pure bene così. Alla società è stato negato l’inserimento nella “White List”. Ossia l’inclusione nell’elenco dei fornitori, prestatori di servizi ed esecutori di lavori non soggetti a tentativi d’infiltrazione da parte della criminalità organizzata. La responsabilità non è per niente dell’ufficio territoriale del Governo che applica semplicemente la legge nei casi come questo in cui si presume non sussistano, o siano cadute, le condizioni – che rispondono a criteri peraltro discutibili – per l’ammissione nel registro. Perché esiste un elenco di questo tipo? Semplice, per evitare l’infiltrazione mafiosa in settori delicati dell’economia.

Refulling car tank on puming station

Per quanto riguarda la SRL Ambrosino, non si può parlare di una vera e propria “perdita” di uno status che prima era immacolato –e lo è stato per oltre venti anni- mentre adesso, secondo una verifica, sembrerebbe non esserlo più. Forse c’è altro. Non si conoscono ancora le ragioni effettive del provvedimento. Sembrerebbe che la società di carburanti non sia però coinvolta se non di riflesso in fatti che la Prefettura ha valutato, forse, espressivi di poca trasparenza. In quanto a limpidezza, al contrario, si può confermare che questo è uno dei principi cardine che la SRL ha curato e applicato dal 1989. La questione nel frattempo si discuterà davanti al TAR nei prossimi giorni. Non si può che aspettarsi un destino roseo pure per quei quindici dipendenti e le rispettive famiglie che rischiano di essere trascinate in un vortice pericoloso. Qualche riflessione, però, si può fare. Il motivo del mancato inserimento, e quindi del rigetto della domanda, mi pare molto labile se fosse confermata la voce di corridoio secondo cui la “Ambrosino carburanti” non è coinvolta direttamente e dunque non sarebbe compromesso neppure uno dei suoi soci. Già solo questo potrebbe bastare per farsi un’idea su una norma che probabilmente è il caso di rivedere e che è utile per aprire uno scenario verosimile e diverso. Prendendo il fatto un po’ più da lontano, Ischia con il suo “parco macchine” per accontentare il quale la fornitura di carburante deve essere continua e costante, è un ottimo boccone per allertare eventuali competitor che potrebbero arrivare “da fuori isola”. Diciamo da varie parti della nazione se il colosso isolano per qualche ragione non potesse più operare. Una cosa analoga stava per verificarsi nel caso della CPL Concordia, ricorderete il tentativo di estromettere e isolare proprio la SRL da parte della cooperativa, che è poi deflagrato nei vari filoni d’inchiesta di cui sappiamo. Una riflessione del tutto campata in aria, magari, che potrebbe corrispondere alla realtà, per niente campata in aria, che richiamerebbe una pianificazione studiata nei minimi particolari. Allargando la riflessione, la legge- come ho detto spesso, seguendo altri che l’hanno fatto prima di me – deve essere uguale per tutti. Un concetto semplice che si tende a dimenticare. Voglio fare una proposta provocatoria. Poiché le attività criminose si stanno, come dire, ingegnerizzando e pure sull’isola forse già sono presenti e investono da anni «nell’affaire turismo», anche attraverso la politica, nel mattone con l’acquisto di case o buttano gli spiccioli in salvadanai poco trasparenti a forma di alberghi con stelle e stalle, o in bar e pizzerie, si potrebbe estendere la normativa antimafia con il relativo codice a tutti e senza alcuna limitazione. Magari pure a chi esercita attività agricole o professionali, non organizzate in forma d’impresa, o agli artigiani con il lavoro in forma d’impresa individuale oppure alle attività di lavoro autonomo anche intellettuale in forma individuale. Non sarebbe equo e magnifico?

PS: La società Ambrosino SRL ha vinto il ricorso al TAR e ha ottenuto anche l’annullamento del provvedimento

Ads

Facebook Graziano Petrucci

Ads

Articoli Correlati

0 0 voti
Article Rating
Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Visualizza tutti i commenti
Controllare Anche
Close
Back to top button
0
Mi piacerebbe avere i vostri pensieri, per favore commentatex
()
x