ARCHIVIO 2ARCHIVIO 5POLITICA

Sotto Tiro – Domenico De Siano

Benvenuto nel consiglio comunale di Ischia. La brillante carriera politica partita da Lacco Ameno che ha toccato provincia, regione, Camera dei Deputati, Senato, fa di te il politico più decorato dell’isola. Terzo senatore dei tempi moderni dopo Gigi Covatta (eletto però in Emilia Romagna) e Salvatore Lauro. Spero che tu rimanga nel consiglio comunale. La vita di un politico è fatta di vittorie, mezze vittorie e anche qualche sconfitta. Tramite mio suocero, Francesco Pilato, sono stato amico di tuo padre e di tuo zio dagli anni sessanta. Ho assistito alla vostra crescita economica, esponenziale, ed ho sempre apprezzato la capacità imprenditoriale della tua famiglia.

Politicamente, consigliere comunale a Lacco, ti chiesi, come agenzia,un intervento per l’acquisto del terreno di fronte all’ospedale Rizzoli per realizzare il polo di sviluppo della Sanità ischitana. Facesti arrivare subito un finanziamento provinciale ma il sindaco di Lacco di quel momento non seppe proseguire la tua azione. La Sanità a Ischia è sotto gli occhi di tutti. Perché tutta questa premessa? Per dirti che Ischia e l’isola hanno bisogno della tua esperienza politica. L’altro giorno ti dicevo che la sconfitta di Gianluca poteva essere anche un po’ attribuibile a te per il poco interessamento, visto il grande potere politico di cui eri portatore, per l’isola. Mi rispondesti che alla Provincia, alla Regione, e nel Parlamento rappresentavi interessi che esulavano dal territorio. Ora però sei uno dei rappresentanti del territorio e ti sfidiamo a dare il meglio di te in consiglio.

Ischia non produce più come gli anni passati. Un malevolo concetto si è impossessato della classe dirigente locale. Clientelismo e malaffare sembrano dominare su tutto. Spetta anche a voi minoranza spezzare questo giro vizioso con un controllo attento dei provvedimenti della maggioranza. E politicamente dovete dimenticare il gioco stupido della frapposizione a tutti i costi per scalzare chi è chiamato ad amministrare il paese.

Quando il sindaco è sotto ricatto di spregevoli giochetti di squallidi personaggi da te uomo di GOVERNO ci aspettiamo posizioni responsabili. Rimettiamo il Comune a centro dello sviluppo. La ricchezza va prodotta per poi distribuirla. Bisogna, in questo momento storico, riavviare l’economia dell’isola partendo da Ischia. Sono certo del tuo senso di responsabilità. In bocca al lupo.

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close