ARCHIVIO 2ARCHIVIO 5

Sotto Tiro di Mizar, noia e tristezza

Dopo il Convegno al Re Ferdinando di Presutti/ e Polito, sabato scorso vi è stato il convegno di Luciano Venia al Royal. Il rito si ripete da tantissimi anni e pur ringraziando gli organizzatori per tener in vita una discussione bisogna convenire che non si riesce a trovare il grimaldello per iniziare ad operare visto che quello che bisogna fare per rianimare la comatosa Ischia è stato quasi tutto messo in luce.

Il perché dell’insuccesso operativo è facile individuarlo nella mancanza di una classe dirigente adeguata sia nel pubblico che nel privato e la mancanza di associazionismo.

Analizzando la situazione del Comune di Ischia ci si rende conto che un Sindaco imbrigliato da dieci consiglieri comunali in logiche che nulla hanno a che vedere con una conduzione seria di un Ente di valore, come è stato quello di Ischia tanti anni fa, determina una stasi paurosa ed un degrado del paese a tutti i livelli.

Vi faccio un esempio. Il Comune deve incassare circa 38 milioni di euro di tasse e tributi. La maggior parte di questi soldi deve essere pagata, come si sente in giro e senza che la stampa possa conoscere i dati reali, dagli albergatori. Perchè gli albergatori non pagano? Perché è realmente esosa la quantità di denaro che il Comune richiede specialmente per la spazzatura.

Che fanno gli albergatori? Fanno ricorsi per allungare il brodo. Pagare poi può significare far passare i cinque anni e forse la tassa non è più esigibile. Il Comune si difende e qualche volta dimentica di presentarsi in tribunale, altre volte il giudice dà ragione al ricorrente e l’Ente non riscuote.

Non sarebbe più logico affrontare il problema Ischia Ambiente per ridurre i costi di una società che nell’immaginario collettivo è un carrozzone? Non sarebbe il caso di rivedere le tariffe diminuendo il carico sulle attività produttive ed aumentando il carico sui cittadini, se necessario, dopo aver armonizzati i costi di Ischia Ambiente?

Ma chi dovrebbe farlo? Una Giunta inesistente, un Sindaco che non sa che pesci prendere o i dieci consiglieri eletti per dare un Governo al paese? In questa situazione emerge tutta la responsabilità dei dieci consiglieri della maggioranza che vista la situazione dovrebbero dimettersi in massa.

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close