ARCHIVIOARCHIVIO 4ARCHIVIO 5

‘Torri in festa, torri in luce’, le novità della 7a edizione

Gianluca Castagna | Forio I luoghi come struttura archetipica della fabbrica dei racconti. Luoghi dove riconoscersi, ritrovarsi e informarsi. Luoghi dove condividere bisogni e possibili risposte. Soprattutto luoghi dove ascoltare. E’ questa la filosofia di fondo della 7° edizione di “Torri in festa, torri in luce”, manifestazione ideata e diretta dall’architetto Aldo Imer per promuovere e sostenere lo sviluppo economico e sociale dell’isola d’Ischia attraverso la riscoperta e la valorizzazione delle sue risorse naturali, architettoniche e culturali, presentata mercoledì sera all’Hotel Villa Sorriso di Forio.

E’ ormai opinione condivisa che il patrimonio culturale, e quello architettonico in particolare, sia l’espressione più nitida delle tradizioni dei diversi luoghi e delle loro peculiarità, evidenziando lo stretto legame che nei secoli si è sviluppato tra architetture, culture materiali ed ambiente naturale.
Monumenti come le torri, baluardi difensivi che hanno caratterizzato un po’ tutto il territorio dell’isola d’Ischia, sono diventate esse stesse “paesaggio culturale”. Un paesaggio che individua una specifica e irripetibile identità dei luoghi, frutto dell’interazione tra bene singolo e il contesto, l’architettura e l’ambiente, l’arte e la società. Tacite presenze territoriali, architetture della memoria, echi mediterranei che raccontano la propria storia esaltando il passato per ripensare al presente e costruire, attraverso un forte impegno di sensibilizzazione, una solida prospettiva per il futuro.
«Undici giorni per undici straordinarie occasioni di ascoltare il paesaggio, il racconto del territorio, la sapienza delle genti» ha sottolineato l’avvocato Benedetto Migliaccio, Presidente dell’Associazione “Isola delle Torri”. «Ischia ha una caratteristica assolutamente vincente: coniuga paesaggi straordinari, salute, bellezza e cultura. Pochi sono i posti nei quali è possibile raccontare tante storie. Qui sono passati i Greci, i Romani, i pirati, gli Aragonesi, gli Angioini. In questi posti sono impresse le ombre di questi passaggio, oltre alla sapienza dei nostri costruttori, contadini, di tutti coloro che lavorano una terra anche aspra, per certi versi difficile, ma che ha sempre ripagato tutti di questo impegno. Ora tocca a noi, con l’aiuto degli amministratori e dell’intera comunità».
«La nostra mission è sempre la stessa» ha aggiunto Aldo Imer, patron della manifestazione. «Sensibilizzare le istituzioni, la Soprintendenza, il Ministero dei Beni Culturali e soprattutto i cittadini per la conservazione di queste bellezze che raccontano la nostra storia e la nostra identità, ma di cui spesso non esistono nemmeno le indicazioni o una cartellonistica. “Torri in festa, torri in luce” vuole essere uno strumento originale per una riflessione sull’architettura e sui luoghi. Il paesaggio come documento e stratificazione, come spazio in cui sono le relazioni sono sollecitate e diventano parte integrante di questo luogo. L’obiettivo di questa settima edizione, particolarmente ricca e lunga, è imparare ad ascoltare meglio i luoghi dell’isola e anche noi stessi. Con i suoi passaggi, lungo il corso della Storia, l’uomo ne ha delineato la fisionomia, li ha abitati, assorbiti, trasformati e visti cambiare nel tempo».

Dal 16 al 26 giugno un caleidoscopio di appuntamenti in contenitori di pregio artistico per rendere i monumenti isolani, le torri in primis, punto di riferimento vivo del sistema culturale regionale. Promuovendo un’immagine diversa dell’isola d’Ischia, in armoniosa simbiosi con il comparto del turismo sostenibile di risonanza nazionale ed internazionale. E quindi la malia di Sant’Angelo, gli edifici antisismici di fine Ottocento, il porticato delle Terme della Regina Isabella pensato dall’architetto milanese Ignazio Gardella, le acque di Nitrodi, il Castello Aragonese che farà da teatro alla Lectio Magistralis di Philippe Daverio, storico dell’arte, scrittore e volto tv con il celeberrimo “Passpartout”.
Convegni, workshop, mostre, incontri, mostre, musica e spettacoli. Ma anche spazi e laboratori creativi: murales sotto il tunnel del Soccorso con tema “Echi marini” a cura dell’Accademia delle Belle Arti di Napoli; un concorso fotografico organizzato dall’Associazione Flegrea Foto che diventerà mostra in esposizione alla Torre Guevara di Ischia fino al 10 luglio.
Anche la 7° edizione di “Torri in festa, torri in luce” si concluderà con la serata-evento dedicata alla premiazione del PRAM (Premio sul Restauro delle Architetture Mediterranee) che fin dalla prima edizione si propone come momento di confronto critico tra architetti, ingegneri, giovani laureati e studenti universitari. Quest’anno, è proprio Imer a sottolinearlo, prevista anche la sezione dedicata al design: PramDAI Design architecture Ischia. Obiettivo è la diffusione della cultura degli spazi comuni attraverso processi di co-progettazione e co-produzione. Focus del concorso 2017: la progettazione di una pensilina per le fermate per il trasporto pubblico dell’Isola d’Ischia “L’isola Bus”, munita di schermi interattivi che proiettino informazioni in tempo reale e pannelli touch-screen. Il bando si rivolge ai giovani designer, architetti, ingegneri, professionisti e a imprese operanti in settori diversi.

Altro appuntamento tradizionale della manifestazione è Workshop University. Dopo le ipotesi progettuali su piazza Santa Restituta a Lacco Ameno e a Piazza Bagni a Casamicciola il tema di questa edizione sarà “Il forum urbano di Forio”. L’iniziativa coinvolgerà gli studenti dell’Università Federico II di Napoli, dell’Università degli Studi di Palermo e dell’Università degli Studi di Roma Tor Vergata, accuratamente selezionati attraverso bandi di concorso dedicati, che ridisegneranno l’accesso al centro storico di Forio (il piazzale davanti al bar “La lucciola” per intenderci ) durante full immersion di tre giorni e i cui risultati saranno illustrati all’Hotel Manzi di Casamicciola.
Per “La storia dei luoghi”, da non perdere una serie di percorsi guidati e teatralizzati alla scoperta del sistema difensivo che caratterizza il territorio foriano: “Torri e vicoli sotto le stelle” e “Alla scoperta delle torri segrete”. Occasioni speciali per conoscere meglio quelle che lo storico foriano Giuseppe d’Ascia definiva “le specialità monumentali” di Forio. Magnifiche, imponenti, suggestive fortificazioni in pietra, che segnano il paesaggio della cittadina diventando argomento decisivo per raccontare, ai visitatori, ma anche a noi stessi, l’identità, la storia e le tradizioni dell’isola d’Ischia.
Durante i percorsi, la voce della guida si alternerà a quelle degli attori che faranno riemergere dal passato le storie e le voci di un popolo, raccontando una delle pagine più nere della storia locale: la pirateria. Sono molteplici, in verità, le occasioni spalmate in ben 11 giorni di kermesse per conoscere altri importanti luoghi dell’isola; tra gli altri, “Alla scoperta dell’antico borgo di Celsa”, giro itinerante che partirà dall’antico borgo di pescatori di Ischia Ponte e si concluderà al Castello Aragonese; “Giardini La Mortella: percorso tra storia e natura”, itinerario storico-naturalistico per conoscere la storia dei coniugi Walton e le diverse specie di piante di uno dei parchi botanici più belli d’Italia. Sempre nel solco di quel turismo dei beni culturali che – lo ha ricordato Giacomo Pascale, sindaco di Lacco Ameno – cresce ogni anno del 10%.

Poste italiane, infine, attiverà a celebrazione dell’evento un servizio filatelico e cofanetto a storicizzare la manifestazione. La diramazione dell’emissione di un bollo dedicato all’evento sarà comunicata attraverso le strutture competenti a livello Italia, a dare sempre maggiore attenzione alla necessaria storicizzazione di “Torri in festa, torri in luce”.
Alla presentazione ufficiale della settima edizione erano presenti gli amministratori del territorio, una nutrita rappresentanza delle associazioni di categoria e dei sostenitori di una kermesse che punta, ancora una volta, o a riscoprire prima, e consolidare poi, il Genius loci, quel senso di appartenenza che permette di conoscere e rispettare tutti gli aspetti naturalistici, storici, culturali e architettonici del luogo in cui si vive.

IL PROGRAMMA 

VENERDI’ 16 – Hotel Villa Carolina, Forio
18:30 Serata inaugurale della manifestazione
Convegno di presentazione della VII edizione Architettura Natura Archeologia – Ascoltare i luoghi. Tra conservazione e valorizzazione del patrimonio culturale dell’isola d’Ischia
20:00 Visita al Torrione – Forio –  Quadri di moda
21:00 Rinfresco
22:00 Street piano & Architectural projections Musica dal vivo ai piedi del Torrione
Street Art Esposizione: Echi marini nella “galleria urbana” di Forio (Tunnel del Soccorso)  

SABATO 17 – Piazzetta Sant’Angelo
18:30 Convegno. La Penisola dell’Isola e l’architettura mediterranea – Sogno e bellezza – Nostalgia e illusione. La malia di Sant’Angelo
20:00 Proiezione corto cinematografico “43 colonne in scena a Bilbao” realizzato da Leonardo Baraldi sul lavoro di Philippe Starck. “L’utilizzo del luogo nell’opera audiovisiva”
A seguire spettacolo di luci sul borgo di Sant’Angelo al crepuscolo.
21:30  MMM – Movie, moda e musica

DOMENICA 18 – Tenuta Calitto, Forio
19:00 Convegno: Natura e paesaggio antropico. La fisiologia del territorio genera le tipologie del costruito.
21:00 Concerto Orchestra Eurythmia & rinfresco – Quadri di moda 

LUNEDI’ 19 – Hotel Manzi, Casamicciola T.
18:30 Convegno Sismicità – La carta geologica sismica dell’isola d’Ischia (Monumenti a rischio). 
Gli edifici antisismici di fine ottocento nel patrimonio edilizio ischitano.
20:00 Presentazione finale workshop University
21:30 Rinfresco sulla terrazza dell’albergo con musica dal vivo  

MARTEDI’ 20 – Pineta Villari e Albergo della Regina Isabella
17.30 Inaugurazione mostra a Pineta Villari, Ischia con le 4 pareti per “ascoltare i luoghi”
Opere a cura di: Lionel Favre, Marco Abbamondi, Stefano Ciannella, Mark Dixon, Fabio e Paolo Lastrucci 21:00 Lacco Ameno presso Hotel Regina Isabella ‘Torri in festa torri in luce’ illumina il porticato del Regina Isabella Architettura di Ignazio Gardella Scenografo Bruno Garofalo.
Sulla facciata del Pio Monte della Misericordia a Casamicciola  “I personaggi illustri che hanno reso celebre i luoghi dell’isola” 

MERCOLEDI’ 21 – Castello Aragonese, Ischia
18:00  Percorso itinerante al tramonto – Una giornata al Castello
19:30 Convegno Cattedrale dell’Assunta: Lectio Magistralis – Philippe Daverio, “Il valore della bellezza nell’arte e dei luoghi” Ischia e l’ architettura mediterranea – Promozione del Castello come centro studi internazionale sul Restauro monumentale
22:00 Musica Live con rinfresco
 

GIOVEDI’ 22 – Terme di Nitrodi, Barano
19:00 Convegno. Percorso nel mito – Nitrodi: Le acque, le ninfe, le essenze e la natura
21:30 Musica live e rinfresco Concerto Maestro Carmine Pacera 

VENERDI’ 23 – Hotel San Montano, Lacco Ameno
19:00 Stima del paesaggio – Architettura contemporanea nel paesaggio – Il valore del paesaggio agricolo “Ischia un paradiso visto dal cielo” – Presentazione libro di Giovanni Mattera
Architettura del gusto “Vin Arch” I Vitigni, teatri di bellezze La Vigna dei mille anni; Tenuta Ruffano ; Tenuta D’Ambra Frassitelli; Crateca; Tommasone; Pietratorcia; Mazzella ; Cenatiempo, Muratori
21:00 Degustazione vini

SABATO 24 – Villa Luisina, Forio
19:00 Serata Di Gala
20:30 Convegno. Briefing: gli obiettivi della manifestazione
22:30 Cena di Gala spettacolo e musica live. Quadri di moda 

DOMENICA 25 – Giardini Poseidon, Forio
19:30 PRAM Premio internazionale sul Restauro delle Architetture Mediterranee. Mostra multimediale dei progetti partecipanti PramDAI sezione sul design “Design Architecture Ischia”.
21:00 Premiazione & presentazione progetti vincitori – Allestimento mostra Arch. Bruno Macrì

 

LUNEDI’ 26 – Cartaromana, Ischia
16:00 Incontro alla sala multimediale Naviganti verso Aenaria
17:00 Visita guidata del percorso archeologico sommerso di “Aenaria”
19:00 Mostra a Torre Guevara – Ischia Ponte
Studi e progetti sulle torri a cura di Università di Napoli Federico II mostra fotografica – Premio Ischia 2017Concorso fotografico sul tema “Ascoltare i luoghi” a cura dell’Associazione culturale Flegrea Photo

 21:30 Hotel Delfini – Ischia Degustazione antichi sapori – Laboratorio del gusto Chef stellato Nino Di Costanzo

 

 

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close