CRONACAPRIMO PIANO

Trasporti e caro rifiuti, l’Antitrust avvia l’indagine dopo le denunce

Nella giornata di ieri i funzionari dell’Autorità hanno svolto ispezioni nelle sedi delle società interessate e di altri soggetti ritenuti in possesso di elementi utili all’istruttoria

A finire sotto la lente d’ingrandimento dell’Antitrust è il trasporto dei rifiuti e dei carburanti da e per Ischia, Procida e Capri. Per questo l’Autorità ha deliberato di avviare un procedimento istruttorio nei confronti delle società Mediterranea Marittima, Medmar Navi, Servizi Marittimi Liberi Giuffrè & Lauro, TraSpeMar, Gml Trasporti Marittimi e del Consorzio Cotrasir per accertare una presunta intesa restrittiva della concorrenza nell’offerta dei servizi di trasporto di infiammabili e rifiuti da e per le isole del Golfo di Napoli (Ischia, Procida e Capri). La decisione è stata deliberata nel corso della riunione del 14 gennaio scorso e nella giornata di ieri i funzionari dell’Autorità hanno svolto ispezioni nelle sedi delle società interessate e di altri soggetti ritenuti in possesso di elementi utili all’istruttoria. Il procedimento deve concludersi entro il 31 maggio 2021 ed entro i prossimi 45 giorni i legali rappresentanti delle parti potranno chiedere di essere sentiti dalla Direzione Energia e Industria di Base dell’Autorità.

Le segnalazioni

L’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato è partita nella sua attività d’indagine da ben quattro segnalazioni. La prima risale al mese di maggio del 2018 quando l’Associazione Consumatori Utenti – ACU di Casamicciola segnalò all’Autorità “restrizioni concorrenziali nel mercato del trasporto carburanti da e per le isole del Golfo di Napoli”. Poi il 4 marzo 2019 (e successivamente più volte integrata) Ambrosino srl che è un operatore che trasporta prodotti petroliferi da e per le isole di Ischia e Procida, ha denunciato all’Autorità l’operato del Consorzio Trasporti Speciali Infiammabili e Rifiuti (COTRASIR). In particolare, la società ha rappresentato che, a partire dal 10 settembre 2018, l’impresa GML, esercente il servizio di trasporto marittimo carburanti lungo la rotta NapoliProcida-Ischia (Casamicciola), ha comunicato ai suoi clienti il subentro del COTRASIR nell’attività di bigliettazione; contestualmente, GML ha comunicato un nuovo piano orari e nuove (incrementate) tariffe. Ulteriori rincari sono stati comunicati direttamente dal Consorzio a far data dal 16 dicembre 2018 e 1° aprile 2019. Pochi mesi dopo, l’11 giugno 2019 un’ulteriore segnalazione è stata inviata all’Autorità da parte del Comune di Barano d’Ischia, in rappresentanza dei Comuni dell’isola di Ischia e del Comune di Procida. I sette Enti lamentavano una serie di problematiche riscontrate relativamente al trasporto marittimo dei rifiuti dalle isole verso la terraferma, ugualmente esercito dal COTRASIR che, di conseguenza, portavano ad un aumento della Tari. Nel contempo i Comuni segnalavano anche disservizi come ripetute e ingiustificate soppressioni di alcune corse, condizioni ingiustificatamente gravose per la prenotazione con pretesa di riservare contestualmente sia il viaggio di andata che di ritorno, condizioni penalizzanti dovute alla richiesta di pagamento anticipato per entrambe le corse. La quarta denuncia, datata 19 luglio 2019 è pervenuta una successiva denuncia della società ENI, cliente di Ambrosino per il servizio di trasporto carburante dalla terraferma verso l’isola di Ischia. La società ha evidenziato che, da quando le due compagnie di navigazione che gestivano in regime di mercato il servizio di trasporto marittimo merci da e per l’isola (GML e Traspemar) hanno creato il Consorzio Trasporti Speciali Infiammabili e Rifiuti, il medesimo ha iniziato a gestire direttamente il servizio di trasporto marittimo degli infiammabili per tutte le isole del Golfo di Napoli e ha stabilito una tariffa comune per entrambe le imprese consorziate. Avendo fatto venire meno la concorrenza tariffaria tra le imprese consorziate, secondo la segnalazione di ENI, il COTRASIR ha immediatamente e abnormemente aumentato il livello di tali tariffe, cresciute di oltre il 300% dall’estate 2018 al mese di aprile 2019.  

Le condotte segnalate: la metamorfosi delle società dal 2017 ad oggi

Per l’Autorità “dalle informazioni raccolte appare che gli armatori attivi nel Golfo di Napoli nei servizi di trasporto marittimo di carburanti e RSU abbiano posto in essere condotte collusive nell’offerta di detti servizi. In base alle informazioni disponibili, per le tratte considerate nel 2017 le società Medmar Navi (controllata da Mediterranea Marittima) e Servizi Marittimi Liberi Giuffré & Lauro risultavano essere gli unici concorrenti operativi nel trasporto carburanti (se si eccettua il servizio offerto dalla società Fuelmar, operativa attraverso una nave di proprietà della Traspemar); nel trasporto rifiuti i principali operatori erano Servizi Marittimi Liberi Giuffré & Lauro e la Traspemar, mentre le società Caremar, Medmar e Gestour S.r.l. effettuavano un servizio residuale. Nel maggio del 2018 Mediterranea Marittima, holding di partecipazioni controllante la società operativa Medmar Navi, e Servizi Marittimi Liberi Giuffré & Lauro hanno costituito la società comune GML e immediatamente dopo, nel luglio del 2018, la stessa società GML ha poi costituito il Consorzio COTRASIR con la società concorrente Traspemar12, consorzio il quale attualmente risulta l’unico soggetto che esercisce i servizi di cui trattasi per conto delle società consorziate (e, in ultima analisi, unico soggetto che li esercisce tout court sulle tratte di interesse13) e appare definire direttamente i prezzi e le condizioni di esercizio dei medesimi.  

I prezzi

Per quanto concerne i prezzi, secondo quanto segnalato all’Autorità, risulta che dopo una fase in cui per entrambe le tipologie di trasporti in analisi (carburanti e rifiuti), vigevano condizioni maggiormente concorrenziali, che si riflettevano in prezzi differenziati praticati dalle diverse compagnie di navigazione attive, successivamente alla costituzione del COTRASIR e all’operatività delle stesse solo mediante detto consorzio, i servizi offerti sono stati caratterizzati dall’uniformità nei prezzi praticati, i quali hanno peraltro subito incrementi esponenziali per entrambe le tipologie di trasporti. Più in dettaglio, per quanto attiene al trasporto carburanti, il 10 settembre 2018 l’impresa GML, esercente il servizio, ha comunicato ai suoi clienti il subentro del COTRASIR nell’attività di bigliettazione. Contestualmente, GML ha comunicato un nuovo piano orari e nuove (più elevate) tariffe. In data 5 dicembre 2018 direttamente il COTRASIR ha inviato una successiva comunicazione contenente un nuovo piano tariffario valido dal 16 dicembre 2018. In particolare, il Consorzio ha informato dell’applicazione di un nuovo metodo tariffario consistente nel parametrare il prezzo del servizio non più ai metri lineari del mezzo di trasporto ma alla capacità (in ettolitri) della cisterna. Questa modifica nel computo delle tariffe, fissate a 6 €/hl, ha determinato un incremento del 221% rispetto alle tariffe in vigore prima del settembre 2018 e del 100% rispetto a quelle in vigore tra settembre e dicembre 2018. In data 5 marzo 2019, il COTRASIR ha inviato una nuova comunicazione, simile alla precedente, con la quale informava che, con decorrenza 1° aprile, il prezzo per il trasporto dei prodotti petroliferi sarebbe aumentato ancora, passando da 6 €/hl a 8,2 €/hl14. Per quel che concerne il trasporto dei rifiuti, risulta, allo stesso modo, che il Consorzio abbia fissato il prezzo del servizio di trasporto per un automezzo contenente rifiuti (tratta Casamicciola-Procida-Pozzuoli) in costante incremento. Segnatamente, nel dicembre 2018 il Consorzio ha fissato la tariffa (in aumento rispetto a quella precedente) in €260, mentre a marzo 2019 ha attuato un nuovo aumento, portando il prezzo a €340. Da ultimo, stando alle informazioni disponibili, con comunicazione del 5 giugno 2019, il Consorzio ha preannunciato che, a decorrere dal 1° luglio 2019, la tariffa sarebbe stata fissata in €427.

Le ipotesi dell’Antitrust

L’ipotesi di violazione della normativa antitrust appare potersi formulare anche sulla base dalle evidenze in atti che testimoniano la fissazione di prezzi via via crescenti, direttamente da parte del Consorzio, sia per il servizio di trasporto carburanti sia per il servizio di trasporto rifiuti, a partire dal momento della sua costituzione. “Secondo le informazioni acquisite risulta, altresì, – scrivono dall’Autorità – che il COTRASIR rappresenti l’unica opzione per i fruitori dei servizi di trasporto carburanti e rifiuti da e per le isole campane. Gli altri soggetti potenzialmente in grado di svolgere, o che hanno in passato svolto, i servizi di trasporto marittimo de quibus da e per le isole del Golfo (es. Caremar, Medmar Navi, Servizi Marittimi Liberi Giuffré & Lauro ecc.) risultano infatti a vario titolo societariamente legati a GML e comunque non più operativi nelle tratte interessate a seguito della nascita del COTRASIR”.

Le conclusioni

GNA ISCHIA casamicciola terme operazione di disincaglio in corso del traghetto tourist ferry primo con il rimorchiatore billton (NEWFOTOSUD G.BERCINI)

L’autorità, quindi, ha ritenuto che la strategia con la quale i due concorrenti Mediterranea Marittima (holding di partecipazioni che controlla la società operativa Medmar Navi) e Servizi Marittimi Liberi Giuffré & Lauro, dopo aver dato luogo alla società comune GML, hanno costituito tra quest’ultima e il terzo operatore Traspemar il consorzio COTRASIR, nonché le modalità operative di quest’ultimo, potrebbero integrare un fenomeno concertativo tra imprese concorrenti nei servizi di trasporto marittimo di merci pericolose, rifiuti e infiammabili da e per le isole del Golfo di Napoli, finalizzato a uniformare le condizioni di offerta dei servizi e all’azzeramento di ogni dinamica concorrenziale, in termini di possibilità di scelta da parte della domanda, di qualità e costi dei servizi di trasporto offerti, con potenziali impatti negativi sui consumatori in termini sia di maggiori prezzi dei carburanti sia di maggiori costi della gestione dei rifiuti nelle isole interessate.

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Controllare Anche
Close
Back to top button
Close