ARCHIVIO 3ARCHIVIO 5

Trasporti, riapre lo scalo di Mergellina

di Sara Mattera

Ischia. Riapre, finalmente, lo scalo di Mergellina. Dopo uno stop durato mesi, infatti, il prossimo lunedì 30 Maggio, riprenderanno le corse veloci per la tratta Napoli- Ischia- Mergellina. A comunicarlo è stata la compagnia di navigazione marittima dell’Alilauro che, attraverso il proprio profilo di facebook, ha annunciato, nella giornata di ieri, la fine del lungo stop. Era, infatti, il 21 Settembre scorso quando l’Alilauro comunicò all’utenza che lo scalo per Mergellina sarebbe stato sospeso al fine di effettuare  lavori di riqualificazione che avrebbero interessato il molo in questione. “Per incrementare l’offerta turistica- aveva annuciato il Gruppo Lauro in pompa magna, all’epoca della chiusura dello scalo- è necessario riammodernare le strutture, ormai inidonee all’esigenze dei turisti e passeggeri, crearne delle nuove, arricchendole con tutti quegli accorgimenti capaci di fornire servizi all’avanguardia, in un settore, quello turistico, che non può prescindere dall’integrare, nella propria offerta tecnologica, l’abbattimento delle barriere e ogni altro accorgimento necessario a renderlo sempre più appetibile”. La chiusura dello scalo, quindi, era stata incentivata  dall’esigenza di creare dei servizi all’avanguardia, facendo fronte, al contempo, ai disagi subiti dall’utenza, costretta, spesso e volentieri,  ad aspettare l’imbarco alla mercè dell’intemperie della natura.  Sulla scia  di questo obiettivo, il Gruppo Alilauro, nei mesi scorsi, si è dunque fatto promotore di un riammodernamento dell’intera area del molo di Mergellina, presentando, alle autorità competenti, un progetto ad hoc. Progetto che avrebbe previsto, non solo un restyling dei pontili del porto con l’implementazione di aree adibite al ristoro e alla sosta dei viaggiatori, ma anche la “creazione” di due gate separati, uno destinato all’imbarco e sbarco delle unità di linea, l’altro per gite turistiche.  La riqualificazione del molo di Mergellina, infatti, ha preso proprio spunto dall’iniziativa del Bateu Mouche, lanciata negli scorsi anni, sempre dal Gruppo Lauro,  e che tutt’ora prevede un tour costiero per tutto il litorale di Posillipo con partenza dal molo “mergellinese”.  Ad ogni modo, per questo  progetto turistico all’avanguardia, l’Alilauro avrebbe messo di tasca propria ben 500 mila euro  promettendo che la tratta per Mergellina sarebbe stata ripristina a lavori ultimati. Peccato, però, che la speranza di accogliere la stagione turistica nell’ottica di questo ambizioso progetto sia- almeno per il momento- sfumata.  Lunedì, difatti, lo scalo riaprirà, ma ad accogliere i viaggiatori non ci sarà alcun restyling portuale.  Il Gruppo Lauro, infatti, non ha potuto procedere ai tanto agognati lavori di ristrutturazione del molo di Mergellina a causa della mancata autorizzazione da parte delle Autorità napoletane competenti in materia. “I lavori di riqualificazione del molo di Mergellina- ci ha detto Fabio De Rosa, responsabile dell’ufficio stampa dell’Alilauro-non sono stati effettuati. Purtroppo la compagnia è ancora in attesa di ottenere l’autorizzazione necessaria per l’avvio dei cantieri da parte del Comune di Napoli e della Sovraintendenza.  Avremmo voluto che i lavori fossero effettuati al più presto, ma al momento è ancora tutto fermo”. Insomma  gli otto mesi di fermo allo scalo, si sono rivelati inutili a causa della lenta macchina burocratica. Restyling portuale o meno, però, l’Alilauro ha dovuto procedere necessariamente alla riapertura dello scalo in vista della stagione turistica. “La tratta- ha continuato Fabio De Rosa- era necessario ripristinarla, anche senza aver ancora realizzato i lavori in questione. Lo scalo, comunque, è in perfetta sicurezza”. Per questa stagione, insomma, niente sogni di gloria per la Lauro che per attuare l’opera di restyling dovrà attendere l’autunno. Sempre che, ovviamente, le autorità competenti rilascino i permessi necessari. Nonostante il rammarico per la situazione, comunque, certamente entusiasti della riapertura dello scalo saranno i tanti pendolari, specie quelli isolani, che, in questi otti lunghi mesi, hanno dovuto fare a meno delle corse veloci per suddetta tratta,  potendo giungere a Mergellina soltanto attraverso la terraferma.

 

 

 

Annuncio

 

 

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close