Statistiche
CRONACA

Trasporto pubblico, Castagna all’Eav: «Potenziare il servizio nelle zone alte»

Il Comune di Casamicciola chiede un miglioramento delle linee al Majo e alla Sentinella, oltre all’inserimento di via Eddomade nella rete dei collegamenti

Il Comune del Capricho chiede un rafforzamento del servizio di trasporto pubblico nelle zone alte del paese. Il sindaco Giovan Battista Castagna ha inviato due note all’Ente Autonomo Volturno (Eav), che gestisce il servizio di autobus sulle strade dell’isola. Con la prima nota, il Comune termale ha richiesto un miglioramento del servizio per le frazioni di Piazza Maio e della Sentinella: «A seguito delle numerose segnalazioni pervenute presso questo ente – si legge nel documento – con la presente al fine di conservare una buona immagine turistica dell’isola d’Ischia, si richiede un miglioramento del servizio svolto e, in particolare, una maggiore attenzione sulle linee degli autobus che effettuano il Servizio di Trasporto Pubblico nelle zone di Piazza Maio e Sentinella, riguardo la puntualità e le condizioni degli automezzi, che risultano spesso essere in cattivo stato di manutenzione». Ma non basta: l’ente del Capricho ha chiesto con una separata nota l’inserimento di via Eddomade nel percorso del servizio di trasporto pubblico.

L’arteria in questione è ormai assurta a una certa importanza nel quadro delle vie di comunicazione tra Lacco Ameno e Casamicciola, e la richiesta del Comune non fa che ratificare un’esigenza molto sentita. Di sicuro, come ricorda l’amministrazione nella nota, quello attuale non è il momento storico migliore, in fatto di affidabilità dei mezzi isolani, per la società in questione, con un’estate caratterizzata da guasti, per le più svariate ragioni tecniche. Un’evenienza che più volte ha costretto torme di turisti e di residenti ad abbandonare il mezzo senza un’alternativa per raggiungere la meta prefissa. Non certo un bel biglietto da visita per gli ospiti che, nel tentativo di esplorare le bellezze dell’isola, si sono visti spesso costretti a lunghissime attese alle fermate sotto il sole cocente, per poi rimanere in panne lungo l’affollato anello stradale isolano, mentre gli autisti sono chiamati a veri e propri tour de force, dal punto di vista degli orari da rispettare e del traffico da affrontare.

Articoli Correlati

0 0 voti
Article Rating
Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Visualizza tutti i commenti
Back to top button
0
Mi piacerebbe avere i vostri pensieri, per favore commentatex
()
x