CRONACA

TRASPORTO PUBBLICO TERRESTRE Tra guasti e ritardi, un’estate da dimenticare

Purtroppo il trasporto pubblico su gomma ha mostrato ancora una volta il suo lato peggiore. Mentre gli autisti sono chiamati a veri e propri tour de force, dal punto di vista degli orari da rispettare e del traffico oceanico da affrontare, dal punto di vista dell’efficienza meccanica la situazione, se possibile, è andata peggiorando. È diventato infatti uno spettacolo ormai abituale vedere gli autobus di linea guasti a bordo strada, per le più svariate ragioni tecniche. Un’evenienza che più volte ha costretto torme di turisti e di residenti ad abbandonare il mezzo senza un’alternativa per raggiungere la meta prefissa. Non certo un bel biglietto da visita per gli ospiti che, nel tentativo di esplorare le bellezze dell’isola, si vedono dapprima costretti a lunghissime attese alle fermate sotto il sole cocente (sono anni che si parla di pensiline, ma siamo ancora a zero), per poi rimanere in panne lungo l’affollato anello stradale isolano. Eventi controproducenti anche per le faticose campagne antitraffico, che non fanno presa verso i residenti, affezionatissimi utilizzatori delle proprie automobili, anche quando se ne potrebbe fare a meno, ma che vista l’inefficienza del servizio pubblico, non sono certo invogliati a considerarlo una reale alternativa per la mobilità…

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close