ARCHIVIO 3ARCHIVIO 5

Truffò un’isolana, denunciato quarantenne bergamasco

ISCHIA – Gli agenti del commissariato di Ischia, guidati dal vice questore aggiunto Alberto Mannelli, a seguito di alcune indagini espletate negli scorsi giorni, sono risaliti all’esatta identità dell’autore di una truffa. Gli uomini della Polizia di Stato, nelle ultime ore, hanno infatti proceduto al deferimento all’Autorità Giudiziaria di tale S.E.. Il 40enne, residente a Bergamo, è stato denunciato a piede libero per il reato di truffa a mezzo internet, previso e punito dall’articolo 640 del codice penale. Tempo fa una cittadina residente nel comune di Lacco Ameno, recandosi presso gli uffici del commissariato di via delle Terme, denunciò di aver acquistato una borsa “Louis Vuitton Speedy 40” sul noto portale “Subito.it”. Nella circostanza, la sprovveduta acquirente ha commesso un errore che le è costato ben 130 euro.

Infatti la donna, dopo aver contattato il venditore – che l’aveva rassicurata sull’autenticità del prodotto – ha proceduto come da accordi ad inviare il denaro richiesto su una carta “PostePayEvolution”, che dopo gli opportuni riscontri effettuati dagli inquirenti è risultata essere intestata a una persona già nota alle forze dell’ordine. Inutile dire che la sfortunata donna, dopo aver effettuato il pagamento della borsa, non ha ricevuto più alcuna risposta da parte del truffaldino venditore, né tantomeno il prodotto acquistato. Una storia, quella che vi abbiamo appena raccontato, che ha fortunatamente avuto un lieto fine, dal momento che il quarantenne lombardo è stato identificato e deferito alle competenti autorità giudiziarie dagli agenti del vicequestore Mannelli. È tuttavia opportuno evidenziare in questa sede che non è la prima volta che ignari acquirenti isolani vengono truffati in questo modo. Le cronache locali, infatti, sono piene di episodi analoghi. Il trucco adoperato dai truffatori, pur essendo lo stesso nella maggior parte dei casi, è tuttavia assai proficuo, e sono sempre di più gli ischitani che, volendo fare i propri acquisti su internet, non prestano la dovuta attenzione all’effettiva identità dei venditori, che spesso si rivelano dei delinquenti senza scrupoli. FRA.CAS.

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close