CRONACAPRIMO PIANO

“Tsunami” Calcaterra sulla Città Metropolitana

Durissima nota del commissario straordinario di Casamicciola che richiama alle sue responsabilità l’ente di Piazza Matteotti e ne elenca la lunga serie di errori ed omissioni. Un festival della “strafottenza” che sta tagliando l’isola in due ed esasperando la popolazione

Di questi tempi, verosimilmente, il metro di paragone non è proprio dei più azzeccati ma dopo una serie di interminabili disagi, che peraltro sono ben lungi dal terminare, lo tsunami Simonetta Calcaterra si è abbattuto sulla Città Metropolitana. All’insegna della gravità stradale, infatti, il commissario straordinario di Casamicciola ha trasmesso una nota durissima alla ex provincia relativamente alla prolungata chiusura del tratto della ex SS270 in via Tommaso Morgera, che da giorni sta tagliando l’isola in due. Il documento che rappresenta un vero e proprio atto d’accusa all’ente guidato da Gaetano Manfredi è stato trasmesso per conoscenza anche alla Prefettura, al commissario Giovanni Legnini, alla Regione Campania ed alle forze dell’ordine. L’oggetto è abbastanza chiaro ed esplicito: ”Gravi problematiche inerenti la ex SS270”.

L’ENTE DI PIAZZA MATTEOTTI E LE PRESCRIZIONI INESATTE

Il commissario, nel trasmettere ai destinatari della sua nota anche una serie di allegati, esordisce scrivendo: “Com’è noto, dopo gli eventi alluvionali del 26 novembre scorso tale strada è stata chiusa al traffico pedonale e veicolare con ordinanza commissariale n. 25 del 1.12.2022 in quanto da sopralluogo effettuato dai tecnici di Città Metropolitana ne è stata constatata la pericolosità. All’esito di un sopralluogo congiunto, effettuato il 2 dicembre da tecnici dei Vigili del Fuoco, geologi della Struttura Tecnica Nazionale di Protezione Civile, Genio Civile e Città Metropolitana, veniva disposta, tra l’altro, la chiusura della strada in caso di allerta meteo e la riapertura, cessata l’allerta, solo a seguito di nuovo sopralluogo con esito positivo. Riguardo a tale documento, si rende opportuno ribadire quanto già rappresentato dalla scrivente per le vie brevi al Dirigente Area Tecnica di Città Metropolitana, ossia che in tale verbale del 2 dicembre 2022 sono riportate due prescrizioni inesatte e precisamente: 1) che il sopralluogo dopo l’allerta meteo, finalizzato a stabilire la riapertura della strada, ricada nella competenza esclusiva dei tecnici comunali; 2) che il Comune di Casamicciola Terme debba porre in essere un sistema di monitoraggio, anche di tipo strumentale, al fine di controllare lo stato evolutivo del versante e dei fabbricati sovrastanti”.

Su questo Simonetta Calcaterra è categorica e spiega: “Al riguardo, si chiarisce che la verifica circa la sicurezza della percorribilità o meno della ex SS in questione, in proprietà di Città Metropolitana, non può essere delegata all’Ente comunale ma resta nella competenza dell’Ente proprietario, che deve pertanto assicurare il sopralluogo da parte di propri tecnici, in forma congiunta se ritenuto necessario, per garantire la immediata riapertura di un’arteria stradale fondamentale per la viabilità dell’intera isola di Ischia, nonché per il funzionamento del porto turistico e commerciale di Casamicciola Terme. Inoltre, non ricade nella competenza comunale – bensì forse della Regione Campania – il monitoraggio sul versante sovrastante la strada. Sarà dovere, pertanto, dell’Ente proprietario – e non certo del Comune di Casamicciola Terme – raccordarsi sul punto con altre Amministrazioni eventualmente competenti, avendo cura di notiziare con la massima urgenza il Comune di Casamicciola circa gli interventi che si intende porre in essere per garantire la percorrenza in sicurezza del tratto stradale in questione”.

TUTTI GLI “STRAFALCIONI” DELLA CITTA’ METROPOLITANA, CHE AFFONDO

Ads
GAETANO MANFREDI

Poi il commissario prefettizio prosegue: “Per quanto riguarda, inoltre, i fabbricati sovrastanti la strada, com’è noto la stessa ordinanza n. 25 del 1°.12.2022 contiene già l’ingiunzione di sgombero ai proprietari ed il ripristino delle condizioni di sicurezza dei fabbricati e della scarpata ai suddetti proprietari, ovvero alla Città Metropolitana, per quanto di rispettiva competenza. Allo stesso modo si contesta il contenuto della nota di Città Metropolitana del 5.12.2022. Nella stessa si afferma erroneamente che Città Metropolitana non ha partecipato al sopralluogo del 2.12.2022, mentre il verbale di tale sopralluogo reca la firma dell’ing. Ciro Chierchia e dell’arch. Lucia Polito dipendenti di codesta Amministrazione. Si afferma ancora, sempre erroneamente, che il sopralluogo successivo all’allerta meteo vada effettuato dal Comune per la necessità di accedere alle proprietà private sovrastanti il costone. Su tale punto, si ribadisce ancora una volta la disponibilità di questo Ente a partecipare a sopralluoghi congiunti, ove necessario, con Città Metropolitana proprietaria e altri soggetti, non avendo competenza esclusiva sulla strada in questione. Nella stessa nota Città Metropolitana, ripete l’invito al Comune di Casamicciola di effettuare il monitoraggio sulla stabilità degli immobili realizzati a ridosso della scarpata, ma su questo punto già sopra sono stati forniti i necessari chiarimenti”.

Ads

IL SOPRALLUOGO DEL 6 DICEMBRE E GLI INTERVENTI URGENTI (IGNORATI)

Anche nella parte finale della sua nota il commissario non risparmia bacchettate all’ente di Piazza Matteotti e lo fa scrivendo quanto segue: “Si richiama, inoltre, il verbale di sopralluogo del 6.12.2022 effettuato sulla ex SS 270 con i tecnici Chierchia e Polito di Città Metropolitana. In tale documento si individuano gli interventi urgenti a farsi “nelle more di interventi definitivi di messa in sicurezza”, • verifica albero di pino; regimentazione acque meteoriche; apposizione di container riempiti di materiale idoneo; posa in opera di materiale sintetico impermeabile; monitoraggio del versante interessato dal dissesto. Al riguardo, si fa presente che a tutt’oggi tali urgenti necessari e indispensabili interventi non sono stati ancora posti in essere, la strada ex SS270 continua a subire chiusure e aperture a seconda delle allerte meteo, permane la situazione di pericolosità del tratto permane, si aggravano i disagi per cittadini, lavoratori, scuole trasporti. Inoltre si fa presente che nella giornata di ieri (martedì per chi legge, ndr), al termine dell’allerta meteo che aveva determinato la chiusura della strada con ordinanza commissariale n. 40 del 12.12.2022, al sopralluogo convocato con pec prot. n. 14000 del 13.12.2022 ,finalizzato alla riapertura della strada, Città Metropolitana è risultata assente. È doveroso rappresentare che i disagi ed il malcontento della popolazione, dei lavoratori e degli operatori economici per la situazione che si è venuta a creare a causa dell’assenza di interventi di messa in sicurezza e riapertura definitiva della ex SS 270 da parte di Città Metropolitana sono scaturiti in una dura manifestazione di protesta, spontanea e aggressiva, da parte di circa 100 individui, che ha creato seri problemi all’ordine pubblico e ha richiesto l’intervento urgente e massiccio di personale delle Forze dell’Ordine per fronteggiare la situazione. Tanto si rappresenta per dovere d’ufficio, auspicando seri e tempestivi interventi risolutivi, di cui si resta in attesa di conoscere entità e tempi di realizzazione, declinando ogni responsabilità conseguente alla mancata risposta da parte degli Enti preposti alla soluzione del problema evidenziato”.

Articoli Correlati

0 0 voti
Article Rating
Sottoscrivi
Notificami
guest

1 Comment
Più vecchio
Più recente Più Votato
Inline Feedbacks
Visualizza tutti i commenti
Pino

Ci sono diversi aspetti volutamente non riportati. Penso che ben presto il quadro delle responsabilità sarà chiarito e ognuno risponderà per quanto di propria competenza

Back to top button
1
0
Mi piacerebbe avere i vostri pensieri, per favore commentatex