CRONACA

TURISMO Ponte Immacolata, buoni numeri in attesa del Natale

Buoni i dati per il settore alberghiero che arrivano dal ponte dell’Immacolata. Continua il trend positivo dopo i mesi estivi che ha già caratterizzato il ponte di Ognissanti. L’Italia si conferma meta gettonata dai viaggiatori internazionali, tiene anche il turismo domestico e le strutture alberghiere – secondo l’indagine di Confindustria Alberghi – raggiungono un tasso medio di occupazione del 70%.

Un banco di prova importante che fa ben sperare in previsione delle prossime festività Natalizie.
Gli USA si confermano come primo mercato su lungo raggio grazie anche al cambio ancora molto favorevole euro dollaro. Per quanto concerne il turismo di prossimità, Francia, Germania e Regno Unito scelgono l’Italia prediligendo, in questo particolare periodo dell’anno, le strutture alberghiere nelle città d’arte ma non solo. Roma e Torino ancora ai primi posti con un’occupazione media del 75%, anche Milano nel segmento 5 stelle, registra livelli di poco sopra la media nazionale, seguono Firenze e Venezia che si fermano rispettivamente al 65 e 45%.

In attesa della ripartenza della montagna, si conferma la tendenza delle vacanze nella natura e il recupero delle aree interne, in particolare l’Umbria fa segnare un dato di occupazione media che sfiora il 90%. “I risultati confermano un settore in ripresa. Un segnale importante per gli operatori e per il Pil del Paese a cui negli ultimi 6 mesi il turismo ha dato un apporto davvero significativo. Resta il problema del caro energia e dei conseguenti aumenti che pesano sui conti degli alberghi, ma confidiamo sulla tenuta del mercato e sugli aiuti del Governo per affrontare anche i prossimi mesi – dichiara Maria Carmela Colaiacovo, Presidente di Associazione Italiana Confindustria Alberghi.

Articoli Correlati

0 0 voti
Article Rating
Sottoscrivi
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
Visualizza tutti i commenti
Back to top button
0
Mi piacerebbe avere i vostri pensieri, per favore commentatex