Statistiche
CRONACAPRIMO PIANO

Ubriachi sull’asfalto, e la chiamano Movida

Le cartoline che arrivano dal sabato notte della Riva Destra documentano un “gioco al massacro” non più tollerabile, con l’ambulanza chiamata a intervenire e chi si è arreso perdendo i sensi in strada. Affittanze e stupefacenti, in sei denunciati dai carabinieri

Che ormai, dopo i fatti verificatisi nelle ultime settimane, fosse diventata un’area da monitorare con estrema attenzione, era ormai chiaro a tutti. Tra risse, assembramenti, eccessi di ogni tipo, la Riva Destra a Ischia è ormai nel mirino delle forze dell’ordine. E non a caso sabato sera prima di mezzanotte la presenza di ben tre volanti della polizia all’ingresso del tempio della movida era già un chiaro segnale di come si volesse presidiare il “terreno”.

Il bilancio è ancora una volta quello di una notte di follia, con l’ambulanza costretta ancora una volta a farsi largo tra la folla per trasportare in ospedale chi aveva collassato dopo aver ecceduto con alcolici e superalcolici. E poi la foto simbolo, quella che vedete in pagina, di chi dopo una notte di bagordi è letteralmente stramazzato sull’asfalto. Scene indicibili, quasi da campo di battaglia: per favore, non chiamatela movida. E’ chiaro che per ridursi in queste condizioni c’è bisogno che soggetti senza scrupoli servano ogni tipo di bevanda non soltanto oltre l’orario consentito, ma anche a coloro che a un certo punto proprio non si reggono più in piedi. Capiamo che in tempi di Covid-19 la stagione è corta e bisogna cercare di far cassa a tutti i costi, ma siamo davvero all’assurdo. E questo andazzo non è più tollerabile, altrimenti non osiamo immaginare cosa accadrà quando sbarcheranno anche i “signoroni” di agosto.

Intanto nel fine settimana i carabinieri della Compagnia di Ischia – guidati dal capitano Angelò Pio Mitrione – nell’ambito dei servizi disposti dal Comando Provinciale di Napoli – hanno intensificato i controlli per monitorare i flussi turistici. I militari hanno identificato 267 persone e controllato 133 veicoli. Tra gli obiettivi – oltre alla repressione e prevenzione dei reati – anche il monitoraggio delle aree di movida ed il contrasto del fenomeno delle affittanze abusive. I carabinieri hanno denunciato tre persone – un 40enne, un 64enne ed una 90enne tutti del posto -perché non avevano comunicato all’Autorità di P.S. le generalità dei turisti a cui avevano affittato il proprio appartamento. A Barano d’Ischia, i militari della locale Stazione hanno denunciato un 39enne ed un 32enne, incensurati, per detenzione e coltivazione di droga.

Entrambi occultavano nelle rispettive abitazioni complessivi grammi 2.5 di marijuana e nr. 5 piante di canapa indiana altre tra i 30 e i 100 cm. Non sono poi mancati anche i controlli alla circolazione stradale: i carabinieri della Stazione di Ischia hanno denunciato un 51enne che circolava alla guida della propria auto con tasso alcolemico di 1.58 g/lt, mentre l’Aliquota Radiomobile ha elevato 15 contravvenzioni. Tra queste 5 sono state elevate per la violazione al codice della strada relativa il divieto di sbarco e circolazione per i veicoli intestati a residenti nella Regione Campania. Un altro vezzo che è davvero duro a morire.

Durante le attività, i militari hanno anche controllato gli affittuari di ulteriori nr. 27 abitazioni constatando la regolare comunicazione all’Autorità di p.s..

Ads

I servizi di controllo del territorio continueranno nei prossimi giorni e per tutta la stagione balneare.

Ads

Articoli Correlati

0 0 voti
Article Rating
Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Visualizza tutti i commenti
Back to top button
0
Mi piacerebbe avere i vostri pensieri, per favore commentatex
()
x