Statistiche
CRONACA

Un codice per gli alberghi, così si mette ordine in una “giungla”

Anche le strutture ricettive isolane stanno ricevendo la comunicazione che invita a recepire l’assegnazione del Codice unico identificativo che tra l’altro cerca di garantire la concorrenza leale

Arriva anche per le strutture della nostra isola il momento di dotarsi del Cusr, il codice unico identificativo della struttura ricettiva. Applicando le normative regionali, l’Agenzia Campania Turismo ha infatti provveduto ad assegnare anche alle imprese isolane il citato codice, che ha lo scopo di agevolare i controlli sull’offerta turistica campana per garantire concorrenza leale tra i soggetti economici, tutelare l’utenza turistica e contrastare le forme irregolari di ospitalità. Nell’avviso inviato alle varie strutture, l’Agenzia ha precisato che “le strutture ricettive, che contravvengono all’obbligo del Cusr o che lo riportano in maniera errata o ingannevole, sono soggetti alla sanzione pecuniaria, irrogata dal Comune competente, di euro mille per ogni attività promossa, commercializzata o comunicata. I proventi delle sanzioni sono devoluti ai Comuni nel cui territorio è ubicata la struttura ricettiva sanzionata”.

Si tratta di un’iniziativa di un certo interesse, perché in prospettiva potrebbe aiutare in maniera efficace a fare chiarezza in materia di prezzi, e di indiscriminate politiche di low cost estremo (a dispetto del numero di stelle esibito), e in definitiva ad evitare atteggiamenti che a medio termine finiscono per danneggiare non soltanto le imprese concorrenti, ma l’intero settore turistico locale, e di conseguenza lo stesso tessuto socio-economico isolano, che su tale comparto si poggia per gran parte.

L’agenzia ha anche specificato che a norma di legge il Comune è tenuto a rendere pubblico, attraverso il proprio sito istituzionale, l’elenco, costantemente aggiornato, delle strutture ricettive presenti sul proprio territorio con il relativo codice identificativo. La legge regionale 17/2019 prescrive inoltre che il Cusr deve essere obbligatoriamente utilizzato dalle strutture ricettive in tutte le attività di promozione, commercializzazione e comunicazione poste in essere ed è un elemento indispensabile ai fini della partecipazione delle fiere e altre iniziative promozionali, oltre che per ricevere contributi regionali.

Articoli Correlati

0 0 voti
Article Rating
Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Visualizza tutti i commenti
Back to top button
0
Mi piacerebbe avere i vostri pensieri, per favore commentatex
()
x