CULTURA & SOCIETA'

Un natale sul palazzo reale di Villa Bagni a Ischia con la Regina Borbonica “Tetella” che dava i numeri con la prima tombolata

Le denominazioni colorite pronunciate direttamente dal sovrano partenopeo divertito Re Ferdinando II : numero 4 'O puorco (il maiale), numero 6 Chella che guarda 'nterra (organo sessuale femminile), 16 'O culo (il deretano), , 14 'O mbriaco (l'ubriaco), 28 'E zzizze (il seno), 57 'O scartellato (il gobbo), 29 'O pate d''e criature (organo sessuale maschile), 39 'A funa 'nganna (la corda la collo), 33 L'anne ' e Cristo (gli anni di Cristo)

Il gioco della Tombola ha la sua storia. Infatti la tombola dalle nostre parti, nacque tra Napoli ed Ischia nel 1734 per una diatriba sorta tra il re Carlo III di Borbone, che era deciso ad ufficializzare il gioco del lotto nel Regno perché, se fosse rimasto clandestino avrebbe sottratto introiti alla casse dello Stato, ed il frate domenicano Gregorio Maria Rocco, che riteneva il gioco del lotto un amorale e ingannevole diletto per i suoi fedeli. Alla fine riuscì a spuntarla il re Borbone , ma a patto che nella settimana delle festività natalizie il gioco venisse sospeso perchè il popolo non doveva distrarsi dalle preghiere. Il popolo che non voleva rinunciare a giocare, si organizzò in un altro modo: i novanta numeri del lotto furono racchiusi in un ” panariello” di vimini e furono disegnati i numeri su delle cartelle, così la fantasia popolana trasformò un gioco pubblico in un gioco a carattere familiare che arrivo in seguito anche a Ischia. Lo diffuse Re Ferdinando II e la regina Tetella nella metà dell’800 prima che si aprisse il porto d’ Ischia. Il nome tombola deriva dalla forma cilindrica del pezzo di legno dove è impresso il numero e dal rumore che questo fa nel cadere sul tavolo dal panariello, che una volta aveva la forma del tombolo. Ai novanta numeri del gioco furono dati significati diversi, che variano da regione a regione; quelli della tombola napoletana ed ischitana sono quasi tutti allusivi e talvolta scurrili. Molto famose a Napoli sono le tombolate dei “femminielli” dei vicoli dei quartieri popolari della città. Ecco di seguito i numeri e il loro significato: 1 L’Italia, 2 ‘ A criatura (il bimbo),3 ‘A jatta (il gatto), 4 ‘O puorco (il maiale),5 ‘A mano (la mano),6 Chella che guarda ‘nterra (organo sessuale femminile), 7 ‘A scuppetta (il fucile), 8 ‘A maronna (la madonna),9 ‘A figliata (la prole), 10 ‘E fasule (i fagioli), 11 ‘E surice ( i topi), 12 ‘E surdate ( i soldati), 13 Sant’ Antonio, 14 ‘O mbriaco (l’ubriaco), 15 ‘ O guaglione (il ragazzo), 16 ‘O culo (il deretano), 17 ‘A disgrazia (la disgrazia), 18 ‘O sanghe ( il sangue), 19 ‘ A resata (la risata), 20 ‘A festa (la festa), 21 ‘A femmena annura (la donna nuda), 22 ‘O pazzo (il pazzo), 23 ‘O scemo (lo scemo), 24 ‘E gguardie (le guardie), 25 Natale, 26 Nanninella (diminuitivo del nome Anna), 27 ‘ O cantero (il vaso da notte), 28 ‘E zzizze (il seno), 29 ‘O pate d”e criature (organo sessuale maschile), 30 ‘E palle d”o tenente ( le palle del tenente- riferito all’organo sessuale maschile), 31 ‘O padrone ‘ e casa (il proprietario di casa, 32 ‘O capitone (il capitone), 33 Ll’anne ‘ e Cristo (gli anni di Cristo), 34 ‘A capa (la testa), 35 L’aucielluzzo (l’uccellino), 36 ‘ E castagnelle ( sorta di petardi ), 37 ‘O monaco (il frate), 38 ‘E mmazzate (le botte), 39 ‘A funa ‘nganna (la corda la collo), 40 ‘A paposcia (ernia inguinale), 41 ‘O curtiello (il coltello), 42 ‘O ccafè (il caffè), 43 ‘A femmena ‘ncopp” o balcone (la donna al balcone), 44 ‘E ccancelle (il carcere), 45 ‘O vino (il vino), 46 ‘E denare (i denari), 47 ‘O muorto (il morto,) 48 ‘O muorto che parla (il morto che parla), 49 ‘O piezzo ‘ e carne (il pezzo di carne), 50 ‘O ppane (il pane), 51 ‘O ciardino (il giardino), 52 ‘A mamma (la mamma), 53 ‘O viecchio (il vecchio), 54 ‘O cappiello (il cappello), 55 ‘A museca (la musica), 56 ‘A caruta (la caduta), 57 ‘O scartellato (il gobbo), 58 ‘O paccotto (liimbroglio), 59 ‘E pile (i peli, ) 60 Se lamenta (si lamenta), 61 ‘O cacciatore (il cacciatore), 62 ‘O muorto acciso (il morto ammazzato), 63 ‘A sposa (la sposa), 64 ‘A sciammeria (la marsina), 65 ‘O chianto (il pianto), 66 ‘E ddoie zetelle (le due zitelle), 67 ‘O totano int”a chitarra (il totano nella chitarra), 68 ‘A zuppa cotta (la zuppa cotta), 69 Sott’e’ncoppo (sottosopra), 70 ‘O palazzo (il palazzo), 71 L’ommo ‘e merda (l’uomo senza princìpi), 72 ‘A meraviglia (la meraviglia), 73 ‘O spitale (l’ospedale), 74 ‘A rotta (la grotta), 75 Pullecenella (Pulcinella), 76 ‘A funtana (la fontana), 77 ‘E diavule (i diavoli), 78 ‘A bella figliola (la bella ragazza), 79 ‘O mariuolo (il ladro), 80 ‘A vocca (la bocca), 81 ‘E sciure (i fiori), 82 ‘A tavula ‘mbandita (la tavola imbandita), 83 ‘O maletiempo (il maltempo), 84 ‘A cchiesa ( la chiesa), 85 Ll’aneme ‘o priatorio (le anime del purgatorio), 86 ‘A puteca (il negozio),87 ‘E perucchie (i pidocchi), 88 ‘E casecavalle (i caciocavalli) 89 ‘A vecchia (la vecchia) 90 ‘A paura (la paura)

michelelubrano@yahoo.it

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close