CRONACA

Un pezzo di Ischia all’Assemblea nazionale Anci

Anche i Comuni di Forio e Lacco Ameno hanno partecipato all’evento svoltosi a Parma. Tre giorni di lavori, con gli interventi del Presidente della Repubblica Mattarella e del premier Mario Draghi

Ieri si è chiusa la trentottesima assemblea nazionale annuale dell’Anci, l’associazione nazionale dei comuni italiani, svoltasi a Parma. Anche il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha partecipato ai lavori, dove l’isola d’Ischia è stata rappresentata dai comuni di Forio, con l’assessore Gianna Galasso, e Lacco Ameno, col sindaco Giacomo Pascale e la sua vice Carla Tufano. «L’Assemblea Nazionale Anci è un momento importante per tutti gli amministratori locali – ha dichiarato l’assessore Galasso – che in qualità di sindaci sono tutti schierati, in prima linea, a rappresentare le proprie comunità, da Nord a Sud. È stato quindi un vero onore per me essere qui a Parma a rappresentare il Comune di Forio: è il momento di dare il proprio contributo e di mettersi a lavoro insieme, facendo rete, affrontando uniti e con coraggio tutte le sfide che si presenteranno perché questo è il tempo dell’Italia e della nostra isola».

Tantissime le novità emerse nei giorni dell’assemblea che riguardano gli enti locali: si è infatti parlato di nuove assunzioni finalizzate all’attuazione dei progetti finanziati dal Piano nazionale di ripresa e resilienza, ma anche di nuove risorse per i comuni, soprattutto i più piccoli, con una nuova suddivisione del fondo di solidarietà (perequazione), più ricco e vantaggioso per tutti gli enti locali. In sostanza maggiori risorse economiche. Fra l’altro, 50 dei circa 200 miliardi di euro del Pnrr saranno gestiti direttamente dai comuni. Spazio anche allo snellimento delle procedure amministrative per far in modo che le risorse possano essere spese rapidamente a favore della comunità e non tardare e rischiare di perdersi nei mille rivoli di procedure burocratiche incompatibili con i tempi ristretti che questo periodo storico impone. In una parola: semplificazione. Inoltre è stata avanzata la richiesta al governo di eliminazione del limite dei due mandati per i sindaci dei comuni con popolazione superiore ai tremila abitanti, mentre è stato promesso ai sindaci, da parte del governo nazionale, di circoscrivere meglio il loro campo d’azione amministrativa da un punto di vista giuridico per evitare agli amministratori onesti di finire sotto processo per colpe non loro ed una indennità adeguata alle responsabilità che quotidianamente si assumono. Il Presidente della Repubblica Mattarella ha esortato tutti i cittadini ad impegnarsi strenuamente contro il virus e a non disperdere energie per contestare le misure che lo combattono.

Gianna Galasso: «L’Assemblea Anci è un momento importante per tutti gli amministratori locali. È stato quindi un vero onore per me rappresentare qui a Parma il Comune di Forio: è il momento di dare il proprio contributo e di mettersi a lavoro insieme, facendo rete, affrontando uniti e con coraggio tutte le sfide che si presenteranno, perché questo è il tempo dell’Italia e della nostra isola»

Presente ai lavori anche il Presidente del Consiglio Draghi ha affermato che i sindaci saranno i veri protagonisti del successo del Pnrr. Sono intervenuti ben 11 ministri del governo che hanno per lo più accolto le richieste motivate degli amministratori locali, rappresentati autorevolmente dal Presidente dell’Anci nazionale Antonio Decaro, sindaco di Bari. Tutti hanno ringraziato i sindaci per aver tenuto a galla l’Italia con il campale lavoro svolto durante la pandemia in favore della tutela della salute dei cittadini.

Si è parlato di ripartenza, responsabilità dei sindaci, ma come detto soprattutto del Pnrr, che è una grande occasione per la ripartenza dell’Italia e per la riduzione dei divari, ma anche della necessità di mettere i Comuni nelle condizioni di agire e dare risposte concrete. Draghi ha affermato che i sindaci saranno i veri protagonisti del successo del Pnrr; la vittoria per tutto il Paese non sarà però quella di aver speso queste risorse, ma di averlo fatto raggiungendo gli obiettivi prefissati. Perché questo è il tempo dell’Italia.

Ads

L’assemblea si è conclusa con il bellissimo discorso del Presidente Antonio Decaro, un chiaro messaggio di speranza per tutti i sindaci e gli amministratori locali che sono tutti schierati, in prima linea, a rappresentare le proprie Comunità, da Nord a Sud.

Ads

«Oggi rinasce l’Italia – ha detto Decaro – con i cuori scolpiti negli occhi dei ragazzi che tornano a scuola e costruiscono il loro futuro. Con i cuori scolpiti negli occhi dei nostri operatori sanitari, eroici, nelle corsie degli ospedali. Oggi rinasce l’Italia dei lavoratori, delle imprese che non mollano, della scienza che ci salva la vita, dei volontari che si spaccano la schiena per non lasciare indietro nessuno. Siano vostri, colleghe e colleghi, quei cuori negli occhi. Siano vostri cuori negli occhi pieni di fiducia, mentre guiderete le vostre comunità verso il futuro, in questo momento difficile, complicato, ma irripetibile e straordinario della storia del nostro Paese. Voi siete l’Italia che rinasce».

Articoli Correlati

0 0 voti
Article Rating
Sottoscrivi
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
Visualizza tutti i commenti
Back to top button
0
Mi piacerebbe avere i vostri pensieri, per favore commentatex