CULTURA & SOCIETA'

Un prete per amico, Sant’Antuono festeggia i 40 anni di Don Giuseppe Nicolella

Apprezzato dal compianto vescovo insulano Monsignor Antonio Pagano, viene accolto in seminario nel 1999 da Monsignor Filippo Strofaldi, il quale lo ordina diacono il 23 giugno 2005 e presbitero il 7 ottobre 2006. Celebra la prima messa solenne nella Basilica Matrice di San Vito in Forio domenica 8 ottobre

GLI AUGURISSIMI A DON GIUSEPPE NICOLELLA PER IL 40° COMPLEANNO, “Sacerdote-amico sincero e fratello nella fede. In questi anni ne abbiamo passate tante e tu sei sempre stato al nostro fianco e oggi vogliamo farti i nostri più sentiti auguri x tutto quello che hai fatto e che fai ogni giorno x noi e x la comunità parrocchiale, certi di continuare ancora insieme qst cammino di fede. Ti vogliamo tantissimo bene. Augurissimi x qst già trascorsi 9 anni”.

La pioggia di auguri formulati al Parroco della Parrocchia di Sant’Antuono (Sant’Antonio Abate) di Ischia, Don Giuseppe Nicolella,ad uno ad uno insieme,aono per lo più dell’dentico tono: appassionato, sentito, fraterno, vibrante, con qualche variante di maggiore stima e fedeltà, visto che l’abbraccio virtuale riportato in toto su facebook era similmente intenso. Un parroco per amico, così da nove anni la vede la Comunuità parrocchiale di sant’Antuono e San Domenico nei riguardi del proprio pastore. Ieri 19 novembre Don Giusppe Nicolella è entrato nel club degli “Anta” con i primi quarant’ anni compiuti con la palma del sacerdote sicuro, esperto, genero, disponibile e soprattutto amico e guida nella fede. Don Giuseppe Nicolella nasce a Lacco Ameno il 20 novembre 1980, primogenito di Salvatore e Loreta Calise.

Cresce respirando in famiglia l’aria del più genuino e autentico cattolicesimo, ammirando l’esempio di fedeltà a Cristo del proprio parroco Monsignor Giuseppe Regine. Devoto del Crocifisso del Soccorso, della Madonna della Libera e di San Vito, matura la scelta di seguire Cristo Gesù “più da vicino”, decidendo di intraprendere l’iter di formazione teologica e spirituale per poter accedere al sacro ordine del presbiterato. Apprezzato dal compianto vescovo insulano Monsignor Antonio Pagano, viene accolto in seminario nel 1999 da Monsignor Filippo Strofaldi, il quale lo ordina diacono il 23 giugno 2005 e presbitero il 7 ottobre 2006. Celebra la prima messa solenne nella Basilica Matrice di San Vito in Forio domenica 8 ottobre. Don Giuseppe è il primo sacerdote foriano dopo lunghi anni di assenza di vocazioni nel medesimo comune.

Don Giuseppe viene nominato Canonico del venerabile capitolo della chiesa Collegiata dello Spirito Santo il 19 dicembre 2009 e riceve l’ investitura canonicale il 25 gennaio 2010 per le mani di monsignor Filippo Strofaldi che gli affida la cura della parrocchia dsantìAntuono (S. Antonio Abate) in Ischia, dapprima come amministratore parrocchiale e dal 31 maggio 2011 come parroco. Sacerdote zelante e preparato, serve il popolo di Dio come servo dell’Altare e della Parola, accogliendo giovani e anziani, professando la fede cattolica e aiutando i più poveri e bisognosi. Fra le tante virtù per le quali il nostro don Giuseppe si lascia amare e prendere come modello è la vicinanza ai quei preti di strada che ci piacciono condividendone il tipo di missione. Ne è testimonianza questo post apparso sulla sua pagina di facebook di questi giorni. “Preti “di strada” che ci piacciono – I Cattolici francesi sono costretti a confessarsi in strada perché lo Stato ha chiuso le chiese in seguito all’emergenza Covid. Un bell’esempio anche per noi, fedeli e sacerdoti, affinché non ci lasciamo scoraggiare o impaurire dalla situazione che viviamo. Ci vuole prudenza e rispetto delle regole ma niente deve impedirci di avvicinarci al Cuore di Gesù presente nei Sacramenti. Ringraziamo il Signore per tutti quei preti che servono il popolo di Dio senza timori umani: questa è la vera chiesa in uscita. Ad Majorem Dei Gloriam”

info@ischiamondoblog.com

Ads

Ads

Rispondi

Back to top button