ARCHIVIO 3ARCHIVIO 5

«Va allungata la stagione turistica. Gli albergatori facciano la loro parte»

Pietro Di Meglio è esplicito nel delineare la situazione che da decenni si è consolidata in molte realtà alberghiere dell’isola: «Le condizioni che devono accettare i lavoratori stagionali non sono delle migliori. Moltissime ore settimanali, assenza di giorno libero, ed un salario differente dalle tariffe previste dal contratto nazionale, calcolate sulle 48 ore , e un giorno di riposo. Contratto a volte inesistente, oppure “a chiamata,” per nascondere un rapporto continuativo. Questo da un lato. Dall’altra lo stato strizza i datori di lavoro con tasse esagerate in nome di una pensione che molto probabilmente nessuno vedrà , visto che calano di anno in anno. Un sistema che dovrebbe cambiare . Auspico un turismo molto più lungo, con albergatori che non aprano solo quando si va a mille ma anche quando si fanno solo le spese . Questo per il bene del paese , e regalare lavoro più costante ed una spinta ad un turismo più lungo».

Articoli Correlati

Rispondi

Back to top button