ARCHIVIO 3ARCHIVIO 5POLITICA

Vandali abbandonano bottiglie di birra, podista si ferisce con un coccio

Se la caverà con qualche giorno di prognosi e con una specifica cura antibiotica e antitetanica il podista che giovedì sera è rimasto ferito ad un piede mentre correva lungo la strada che dal tunnel del Soccorso conduce al porto di Forio. A raccontare la disavventura vissuta mentre stava praticando sport è stato lo stesso corridore, che sul proprio profilo Facebook ha scritto: «Ieri sera (giovedì per chi legge, ndr), all’uscita del tunnel del Soccorso in direzione porto, un coccio di vetro molto aguzzo mi ha bucato scarpa, calzino e piede. Me la sono cavata, salvo complicazioni, con pochi giorni di prognosi, antibiotico e antitetanica. Se non avessi subito sollevato il piede interrompendo la corsa il vetro sarebbe penetrato in profondità. Manco a dirlo si tratta di bottiglie lanciate dal cavalcavia soprastante da tipici decerebrati del periodo (i cocci della stessa bottiglia sono anche in prossimità degli scogli sottostanti). Le foto sono dal web ma la bella chiazza del mio sangue è ancora lì a terra. Non ironizzo, né sproloquio più o meno a vanvera, ciascuno tragga le sue conclusioni sullo stato del nostro territorio sotto molti punti di vista (la bottiglia di vetro contenente alcool li sintetizza in una forma che è “immagine plastica della sostanza”). Una bottiglia di birra, in mani poco assistite da funzioni superiori – ha chiosato il podista – è una possibile criticità per l’ordine pubblico, l’igiene e la sanità almeno».

Sulla questione è intervenuto anche il consigliere di maggioranza Donatella Migliaccio, che rispondendo all’internauta ha rivelato: «Ce ne erano purtroppo anche in zona Cava dell’Isola e sono intervenuta a bloccare dei ragazzi, peraltro settentrionali, che lanciavano i cocci facendoli saltare sull’asfalto e lanciando gli altri nella proprietà privata di un cittadino». Insomma, è chiaro che la problematica evidenziata sia dal podista sia dal consigliere Migliaccio è assai diffusa all’ombra del Torrione, che soprattutto in questo periodo dell’anno si trasforma nella succursale di qualche quartiere malfamato del capoluogo partenopeo. L’auspicio è che l’amministrazione comunale, di concerto con le forze dell’ordine, metta in atto tutte le misure deterrenti volte al contrasto di simili episodi, che di certo non fanno bene né all’immagine del Comune di Forio né tantomeno a quella dell’intera isola. I vandali vanno puniti severamente e, nel limite del possibile, ricondotti sulla retta via. Se la politica non farà nulla, siamo certi che avremo modo di scrivere ancora di vicende analoghe a quella del corridore che si è ferito al piede soltanto perché l’imbecille di turno, invece di gettare la bottiglia di birra nell’apposito contenitore, ha ben pensato di abbandonarla in strada, per giunta in mille pezzi.

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close