ARCHIVIO 3ARCHIVIO 5POLITICA

Verso il 4 Marzo, ultimo atto della campagna elettorale del PD

ISCHIA.  Ultimo atto della campagna elettorale del PD sul territorio isolano prima della chiamata alle urne. Domenica mattina, infatti, sono approdati sull’isola i candidati campani che concorreranno alla Camera e al Senato nelle prossime elezioni del 4 Marzo. Dopo l’apertura della campagna elettorale avvenuta due settimane orsono, Gennaro Migliore, capolista per il Pd nel collegio  plurinominale  Campania 1 è tornato ad Ischia accompagnato questa volta da Lello Topo, candidato alla Camera dei Deputati ed attuale presidente della commissione Sanità della Regione Campania, Giovanna Palma, candidata al Senato, Loredana Rai Consigliere Regionale del Pd e Mario Casillo, capogruppo del partito democratico campano. Obiettivo, presentarsi alla cittadinanza in un incontro pubblico tenutosi al Bar Calise di Ischia, per illustrare i punti del programma elettorale  del partito e le iniziative che saranno intraprese  anche a favore della comunità di Ischia.  Presente in sala gran parte dell’amministrazione del Comune di Ischia, il sindaco di Barano Dionigi Gaudioso, accompagnato dal Consigliere ed ex sindaco Paolino Buono, nonché vari esponenti del Pd isolano, tra cui ovviamente Giosi Ferrandino, ormai prossimo a ricoprire la carica di europarlamentare. Presente anche Lello Pilato, segretario del circolo PD di Ischia, nonostante le frizioni evidenziate chiaramente da un’intervista rilasciata al nostro quotidiano con la quale aveva asserito di non essere molto contento del corso politico intrapreso dai rappresentanti del partito in seno all’isola di Ischia e non solo.

ENZO FERRANDINO: «TANTE LE DIFFICOLTA’ INCONTRATE SUL TERRITORIO»

Ad aprire le danze il sindaco del Comune di Ischia, Enzo Ferrandino che nel proprio saluto istituzionale ha tenuto a precisare ancora una volta le difficoltà che in questi anni ha incontrato il Partito Democratico sul territorio isolano con una cittadinanza,   di gran lunga molto più avvezza a prediligere governi di centro destra. «Quello di Ischia – ha difatti dichiarato il primo cittadino- è sempre stato un territorio difficile di confronto per il PD con chi politicamente si poneva dall’altra parte rispetto alle nostre idee. Nonostante questo, quando abbiamo deciso io e i miei colleghi di condividere stagioni politiche amministrative locali, otto volte su dieci, siamo sempre riusciti ad avere la meglio rispetto a chi si contrapponeva alle nostre coalizioni». Il sindaco ha poi colto l’occasione per sottolineare ai presenti la necessità di un impegno più concreto per la risoluzione di alcune problematiche pregnanti dell’isola di Ischia, a partire dal riconoscimento di zona disagiata, passando per l’avvio della fase di ricostruzione nel territorio di Casamicciola colpito dal sisma del 21 Agosto scorso e la piaga dell’abusivismo di necessità. «Il governo che verrà – ha incalzato il primo cittadino – dovrà affrontare le problematiche del nostro territorio per dare quelle risposte che la popolazione ischitana si aspetta. Oggi, mentre gli altri vengono qui a raccontare frottole, siamo qui,per prospettare con serietà, una pronta soluzione delle criticità con azioni concrete. Questa è la risposta del pd contro i populismi e la demagogia».

TOPO: «GIOSI IN EUROPA OPPORTUNITA’ PER L’ISOLA»

Molto centrato sulle risultanze raggiunte dal Partito Democratico in questi anni, prima col governo Renzi e poi con Gentiloni, il discorso di Lello Topo che ha sottolineato l’opportunità positiva per l’isola di avere come rappresentante al parlamento europeo, l’ex sindaco di Ischia e maggiore esponente del partito sull’isola, GIosi Ferrandino. «Grazie al Pd – ha asserito Topo – in questi anni dopo tanto tempo in Italia si è registrata la riduzione della pressione fiscale del 1,8%, si sono creati  due terzi di posti di lavoro a tempo indeterminato. Nella scuola sono state portate avanti importanti riforme, come quella della stabilizzazione del personale. Certamente il quadro attuale forse non ha soddisfatto appieno le aspettative  dei cittadini che erano magari di gran lunga superiori, ma si potrà migliorare soltanto continuando questo percorso intrapreso in questi anni dal Pd. L’obiettivo principale oggi è spostare le risorse da una fascia di età  anziana in quella più giovane».«Io spero vivamente- ha proseguito il presidente della commissione sanità – che Giosi Ferradino una volta approdato al parlamento  europeo  possa  dare all’isola una maggiore rappresentanza anche in seno internazionale».

Ads

LE “SPINE” MIGRANTI E TERRORISMO

Ads

Trattati dai candidati, però, anche temi di natura più generale quali l’immigrazione, la minaccia terrorismo e l’adesione alle politiche dell’UE. «Voglio affrontare – ha dichiarato Giovanna Palma – i problemi del mio paese restando nell’Unione europea. Gli immigrati  li dobbiamo accogliere, ma dividendoli tra i 600 milioni di abitantii di cui è composta l’Europa». «Oggi – ha incalzato, invece, Gennaro Migliore – c’è chi parla tanto di invasione dei migranti. C’è una guerra di tutti contro tutti e noi siamo l’unica forza politica che vuole la stabilità e la serenità di questo paese.   La minaccia più grave,  quella del terrorismo non ci ha ancora colpiti e questo soltanto grazie al coordinamento di questo governo che fatto delle precise scelte in tema di migrazione e terrorismo. A difendere il paese da possibili terroristi voi ci mettereste davvero uno come  Salvini, che non fa altro che fomentare la violenza?».

MIGLIORE: «PROMETTIAMO SERIETA’ NELLA TUTELA DELL’ISOLA»

Lo stesso Gennaro Migliore dopo aver espresso il proprio cordoglio  per  la morte di Lino Maltese, il giovane di Serrara deceduto fa per una meningite fulminante,  è poi tornato a parlare di Ischia e dei temi di maggiore interesse per l’isola. In particolar modo, ancora una volta l’attenzione è stata incentrata sul Tribunale isolano, questione questa già affrontata in occasione dell’evento di  apertura della campagna elettorale delle scorse settimane, insieme all’Assoforense, guidata dall’avvocato Francesco Cellamare. Sul tribunale ischitano, infatti, lo ricordiamo, pende la scadenza della proroga concessa dal Governo fino al 3 Dicembre 2018 per il prolungamento della operatività della sezione isolana di giustizia. «Se abbiamo dato una proroga al tribunale di Ischia – ha commentato Migliore – è perché stiamo rivalutando tutta la geografia della giustizia in seguito a quanto fatto da un altro Governo nel 2012 che aveva chiuso cento tribunali italiani. Non siamo dell’idea che bisogna fare cassa sulla giustizia e pensiamo che si debba,invece, investire sulle sedi giudiziarie come quella di Ischia che hanno un alto contenzioso. Proprio pochi giorni fa mi sono attivato per far si che sull’isola si  trovi un nuovo magistrato per sostituire quello che è stato recentemente arrestato ma contemporaneamente anche che vengano destinati al tribunale isolani alcuni assistenti giudiziari assunti recentemente grazie al concorso pubblico che abbiamo indetto».  «Noi non abbiamo – ha concluso Migliore – nessuno timore di affrontare i problemi e non vi promettiamo di risolverli tutti, ma vi promettiamo di andare nella  direzione di serietà che abbiamo assunto fino ad oggi».

 

 

Articoli Correlati

Rispondi

Back to top button