ARCHIVIO 3ARCHIVIO 5POLITICA

Via Baiola e quel pino inclinato: a quando la rimozione?

Di primo acchito potrebbe sembrare la celeberrima torre pendente toscana. Aguzzando bene la vista, però, ci si rende subito conto che non solo non si tratta di piazza del Duomo a Pisa, ma anche che l’oggetto rappresentato è un pino, di quelli che si trovano lungo via Baiola a Forio. A differenza degli altri, però, questo pino ha qualcosa in più (o in meno, ma questo dipende dai punti di vista). Il nostro amico albero, così come la famosa torre, è visibilmente inclinato. Tuttavia, mentre il campanile della cattedrale di Santa Maria Assunta lascia senza fiato i turisti, il pino di via Baiola preoccupa e non poco residenti e utenti della strada, che prima o poi potrebbero rischiare di rimetterci la vita.

Le condizioni in cui versa via Baiola – e via Borbonica – sono note a tutti, e già in passato abbiamo dedicato accurati servizi per sensibilizzare non soltanto l’opinione pubblica, ma anche le competenti istituzioni (locali e della terraferma). Nonostante gli interventi dell’ex Provincia di Napoli e del sindaco metropolitano Luigi de Magistris, la situazione – a giudicare dal materiale fotografico prodotto negli scorsi mesi – non sembra essere affatto migliorata. Anzi, volendola dire tutta, il denaro messo a disposizione dalla Città metropolitana avrebbe potuto essere impiegato in maniera decisamente più lungimirante.

A riaccendere i riflettori sulla pericolosità di via Baiola è stato, nel corso del pomeriggio di ieri, il referente di “Aria Nuova” Nicola Manna, che su Facebook ha scritto: «Questo è un evidente stato di pericolo che insiste a Via Baiola, ricordo, interessata dagli ultimi interventi della Città metropolitana in campo stradale. Su questa vicenda sono intervenuti più volte gli amici Alberto D’Abundo, Roberto Scotti e Luigi Castaldi, segnalando proprio la pericolosità di questo pino (nelle foto, ndr), che già un anno fa dava i primi segni di cedimento. Ho provveduto a informare esponenti dell’amministrazione comunale, ma domattina (oggi per chi legge, ndr) inoltrerò una nota scritta affinché il sindaco Del Deo si faccia garante nel seguire questa situazione davvero preoccupante». L’auspicio, ovviamente, è che l’amministrazione comunale promuova delle iniziative volte alla messa in sicurezza della strada. Quel pino, nella peggiore delle ipotesi, deve essere rimosso: la tutela dei cittadini, infatti, viene prima di ogni cosa.

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close